Alto Contrasto Reimposta
Iscriviti Area Riservata
Menu
Menu
Stemma

Costruzione su suolo demaniale - Quesito

Pubblicato il 05/07/2011
Pubblicato in: L'esperto risponde

Un cittadino, dopo alcuni interventi di ristrutturazione, regolarmente assentiti, di un edificio adibito ad abitazione, ha inteso effettuare delle migliorie asfaltando la strada comunale antistante il fabbricato medesimo e realizzando un piccolo marciapiede, senza richiedere però alcuna autorizzazione.
A seguito di esposto, non si è potuto fare altro che rilevare l’abuso, inquadrato nell’art. 35 del D.P.R. n. 380/2001 e si è proceduto pertanto alla diffida per la riduzione in pristino stato dei luoghi.
Nel frattempo, il medesimo cittadino ha depositato istanza di sanatoria dei predetti interventi.
A parere dello scrivente gli stessi non sono sanabili, perché costruiti su strada comunale e quindi su beni demaniali, mentre, dall’altro lato, è evidente l’interesse dell’Amministrazione alla loro non rimozione, in quanto sicuramente migliorativi dello status quo ante.
Alla luce di tutto quanto premesso, si chiede:

  1. se sia possibile o meno sanare i predetti interventi;
  2. se con deliberazione di Consiglio comunale, l’Amministrazione possa evitare la demolizione per motivi di interesse pubblico delle opere eseguite;
  3. se le stesse debbono ritenersi già acquisite al patrimonio comunale per accessione;
  4. quali le sanzioni cui è soggetto al cittadino.

Confidando in un rapido riscontro, si porgono cordiali saluti.

 

RISPOSTA:

Per visualizzare il contenuto richiesto bisogna essere utenti registrati ed in regola con il tesseramento annuale.


Utilità