Alto Contrasto Reimposta
Iscriviti Area Riservata
Menu
Menu
Stemma

PRIME MODIFICHE AL NUOCO CODICE DEI CONTRATTI

Pubblicato il 14/07/2016
Pubblicato in: Appalti

A due mesi dall'entrata in vigore già in vista le prime modifiche in Parlamento

Sono passati poco più di due mesi dall'entrata in vigore del nuovo codice appalti e già si intravedono le prime richieste di correzione in parlamento. Una in particolare sarà discussa dalla commissione Bilancio della Camera proposto dal deputato modenese del Pd Davide Baruffi, che popone di congelare i vecchi requisiti del Rup, nelle aree colpite dal terremoto nel 2012 (Emilia Romagna e in parte Lombardia).

L'emendamento punta a introdurre una modifica dell'art. 31 comma 5 del nuovo codice appalti che assegna all'Anac il compito di stabilire con proprie linee guida determinati requisiti per i responsabili del procedimento (Rup) incaricati di occuparsi della gestione degli appalti, a secondo dell'importo dei lavori.

Le linee guida dell'Anac sui Rup sono già state varate e sono in attesa dei pareri del parlamento e del Consiglio di Stato prima del via libera finale. Per i lavori più complessi , le linee guida stabiliscono che oltre all'abilitazione professionale i Rup dovranno possedere anche «la qualifica di project manager». Per questo l'Anac chiede che « le amministrazioni inseriscano, nei piani di formazione del personale, specifici percorsi formativi rivolti ai Rup e finalizzati all'acquisizione di competenze in materia di project management».

Per ora nulla è cambiato. Compiti e professionalità richiesti al Rup restano quelli stabiliti dal regolamento attuativo del vecchio codice del 2006 fino al varo finale delle nuove linee guida Anac. Che però è atteso entro poche settimane, se non giorni.

Di qui la richiesta avanzata in Parlamento mirata a congelare i vecchi requisiti per i Rup attivi nelle aree colpite dal terremoto emiliano del 2012 «fino al termine dello stato di emergenza». L'emendamento, in pratica punta a modificare l'articolo 31, comma 5 del Dlgs 50/2016, stabilendo che per i comuni colpiti dal sisma l'introduzione dei nuovi compiti previsti sui Rup non scatta dall'entrata in vigore delle linee guida dell'Anac come previsto dal periodo transitorio stabilito dall'articolo 216, comma 8 del codice, ma solo al finire dell'emergenza.

Sarebbe la prima modifica l nuovo codice e speriamo non la prima di una lunga e disordinata serie tale da rendere il nuovo codice un "colabrodo" normativo in cui anche gli addetti ai lavori si muovevano a fatica.

F.G. Nappi

 


Utilità