Alto Contrasto Reimposta
Iscriviti Area Riservata
Menu
Menu
Stemma

non compete alla ricorrente il rimborso delle spese affrontate per la partecipazione alla garae per la relativa assistenza legale che pure il T.a.r. ha riconosciuto.

Pubblicato il 24/02/2010
Pubblicato in: Sentenze

Sicuramente non compete alla ricorrente  il rimborso delle spese affrontate per la partecipazione alla gara ( tre cui la cauzione provvisoria) e per la relativa assistenza legale che pure il T.a.r. ha riconosciuto.

Il capo di decisione, sul punto, è errato, anche a prescindere dalla non condivisa cornice aquiliana in cui la statuizione è inserita. Le spese di partecipazione ad una gara (e, tanto più, le ulteriori volontariamente assunte, agli stessi fini, da un concorrente), in assenza di una specifica previsione di legge, non sono mai rimborsabili, a nulla rilevando se l’impresa che ne pretenda la restituzione sia risultata, o no, aggiudicataria.

Dette spese sono infatti un onere ordinariamente affrontato da ogni impresa interessata a procacciarsi un affare e, quindi, esse rimangono a carico dei concorrenti in conseguenza della sola partecipazione a una procedura di evidenza pubblica e del tutto indipendentemente dal relativo esito; in termini economici si tratta del “prezzo” dell’acquisito di una opportunità di guadagno e, come tale, si ribadisce, esso va considerato non alla stregua di un indennizzo, ma di un costo sopportato a fronte dello stesso svolgimento dell’attività imprenditoriale, non suscettibile di risarcimento o di indennizzo.

A cura di Sonia LAzzini
Riportiamo qui di seguito la decisone numero 808 del 15 febbraio 2010 emessa dal Consiglio di Stato

 Allegati
Scarica

Utilità