Alto Contrasto Reimposta
Iscriviti Area Riservata
Menu
Menu
Stemma

L’inosservanza del termine di 35 giorni per la stipula del contratto ha valore solo in caso di illegittima aggiudicazione DEFINITIVA

Pubblicato il 15/08/2010
Pubblicato in: Sentenze
L’inosservanza del termine di 35 giorni per la stipula del contratto ha valore solo in caso di illegittima aggiudicazione DEFINITIVA

Con riguardo all’inosservanza del termine di trenta giorni per la stipulazione del contratto ai sensi dell’articolo 11 del d. lgs. 163 del 2006 è sufficiente osservare che la dedotta violazione non costituisce causa sopravvenuta di invalidità dell'aggiudicazione, né efficacia invalidante possiede la eventuale inosservanza del termine dilatorio per la conclusione del contratto.

Ed invero l’inosservanza della clausola di stand-still (attualmente pari a trentacinque giorni, ai sensi dell'articolo 1 del d. lgs. 20 marzo 2010, n. 53, non applicabile ratione temporis alla fattispecie in esame) non è in alcun modo destinata ad incidere sul procedimento di gara – potendo avere unicamente effetti sul contratto (T.A.R. Campania Napoli, sez. I, 29 gennaio 2009, n. 514);

Può rilevare ai fini della valutazione delle responsabilità, anche risarcitorie, conseguenti ad una illegittima aggiudicazione, mentre non ha rilievo invalidante, specie laddove i vizi della procedura di gara evocati con il ricorso non siano ritenuti sussistenti.

Difatti la riscontrata legittimità dell’affidamento toglie interesse ai rilievi svolti da parte ricorrente sull’accelerazione dei tempi di stipulazione del contratto.

Non a caso la nuova normativa introdotta a seguito del recepimento della direttiva 77/66/CE, pur non applicabile, conferma l’incidenza della violazione in esame solo sulla sorte del contratto (determinandone l’inefficacia limitata alle prestazioni da eseguire ovvero retroattiva), sul presupposto che “il giudice annull(i) l’aggiudicazione” (articolo 245 bis del d.lgs. 163 del 2006, introdotto dall’art. 9 del d.lgs. 53 del 2010).
Le considerazioni sopra esposte conducono in definitiva alla reiezione del ricorso, dei motivi aggiunti e della connessa domanda risarcitoria per mancanza di danno ingiusto.

A cura di Sonia Lazzini
 Allegati
Scarica


Utilità