Alto Contrasto Reimposta
Iscriviti Area Riservata
Menu
Menu
Stemma

C.St. 05/02/2009 n. 676

Pubblicato il 16/02/2009
Pubblicato in: Sentenze
la variante al piano regolatore generale di reiterazione dei vincoli urbanistici a contenuto espropriativo non richiede una motivazione specifica in relazione alla destinazione delle singole aree, essendo sufficiente che venga evidenziata la sussistenza della attualità e della persistenza delle esigenze urbanistiche ovvero i criteri di ordine tecnico seguiti per la redazione del piano

e’ legittimo affermare che la reiterazione a mezzo di variante generale dei vincoli urbanistici decaduti preordinati alla espropriazione che comportino la inedificabilità, non richiede una motivazione specifica (c.d. polverizzata) circa la destinazione impressa alle singole aree, ma soltanto una motivazione in ordine alle esigenze urbanistiche che sono a fondamento della variante medesima, motivazione ben evincibile dai criteri di ordine tecnico seguiti per la redazione dello strumento?
 Allegati
Scarica

Utilità