Alto Contrasto Reimposta
Iscriviti Area Riservata
Menu
Menu
Stemma

Consiglio di Stato con la decisione numero 950 del 18 febbraio 2009

Pubblicato il 24/02/2009
Pubblicato in: Sentenze

la domanda di risarcimento del danno non può essere valutata in presenza della sola illegittimità dell' esclusione , non rilevando al momento un " danno risarcibile" connesso direttamente a tale illegittimità.

l’annullamento dell’esclusione dalla gara, di per sé solo, non dà luogo al risarcimento del danno, ma solo in una fattispecie concreta nella quale l’interessato dimostri la concreta possibilità, attraverso il rinnovo delle operazioni di gara, di poter quantomeno avere in astratto titolo all'aggiudicazione.

l'esclusione dalla gara può (e anzi deve) essere gravata prima dell'aggiudicazione; nell'attuale assetto del sistema di tutela giurisdizionale in materia di appalti pubblici (quale esso risulta anche dai principi di derivazione comunitaria), deve essere affermato il principio che l'impugnazione dell'esclusione va estesa, con lo strumento dei motivi aggiunti, anche all'aggiudicazione, non solo quando questa risulti disposta uno actu con l'esclusione, ma tutte le volte in cui essa intervenga e sia conosciuta prima della pronunzia sul relativo gravame. È solo questa infatti la via per garantire il soddisfacimento di quelle esigenze di speditezza, di concentrazione processuale e di prevalenza della tutela in forma specifica che permeano e giustificano il peculiare regime normativo della tutela giurisdizionale in materia di appalti pubblici

 Allegati
Scarica

Utilità