UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
23/11/2017 17:59
Home Articoli APPALTI Appalto ll.pp. -Qualificazione- Individuazione categorie di lavorazioni - Errata indicazione - Conseguenze - Categoria OS12 - Fattispecie

Appalto ll.pp. -Qualificazione- Individuazione categorie di lavorazioni - Errata indicazione - Conseguenze - Categoria OS12 - Fattispecie

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 31/7/2008 n. 203 - prassi

APPALTO LL.PP. –QUALIFICAZIONE- INDIVIDUAZIONE CATEGORIE DI LAVORAZIONI - ERRATA INDICAZIONE - CONSEGUENZE - CATEGORIA OS12 - FATTISPECIE

L’Autorità ha evidenziato come la non corretta indicazione delle categorie di lavoro abbia importanti ricadute sul mercato, in quanto essa condiziona l’accesso delle imprese alle suddette gare.
La categoria OS 12 indica come “barriere paramassi e simili” le opere che servono “... a proteggere dalla caduta dei massi”, attenendo non già alla stabilità delle scarpate quanto a lavorazioni ben precise non dipendenti dal sito dove le stesse devono svolgersi”.

PREC159/08/L
Oggetto: istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo n. 163/2006 presentata dalla Assoroccia- S.S. n.018 lavori occorrenti per l’eliminazione di condizioni di pericolo per caduta massi e per la realizzazione di opere marginali di protezione tra i Km. 504+000 e 516+000. S.A: ANAS s.p.a. Compartimento della viabilità per la Calabria.

Il Consiglio

Vista la relazione dell’Ufficio del precontenzioso

Considerato in fatto

Per l’affidamento dei lavori indicati in oggetto, volti all’eliminazione delle condizioni di pericolo per caduta massi e per la realizzazione di opere marginali di protezione, per un importo a base d’asta di € 360.708,33, il Compartimento per la Viabilità della Calabria dell’ANAS ha individuato quale categoria prevalente la OG3, classifica II.

In data 28 febbraio 2008 è pervenuta l’istanza di parere indicata in oggetto, con la quale l’Associazione nazionale costruttori opere di difesa dalla caduta di massi e valanghe (Assoroccia) contesta la sopra citata individuazione della categoria prevalente, in quanto, a suo parere, dall’analisi del computo metrico estimativo dei lavori si deduce che la quasi totalità delle opere previste in appalto attengono al consolidamento della parte rocciosa, per garantire la stabilità dei pendii, lavorazioni riconducibili alla categoria OS21, che rappresentano il 75% del totale dell’importo dei lavori da effettuare.
L’associazione istante lamenta, inoltre, che le imprese specializzate per i lavori di consolidamento sono in possesso della attestazione OS21 e l’errata attribuzione della categoria prevalente preclude loro la partecipazione alle gare per i lavori per i quali sono attestati, a tutto detrimento della più ampia concorrenzialità ed apertura di mercato.
In sede di istruttoria procedimentale, la Stazione Appaltante ha rappresentato che le lavorazioni previste riguardano interventi di manutenzione delle ripe e rivestimenti con rete metallica di protezione delle pareti rocciose, afferenti alla categoria OG3, che prevede la costruzione, ristrutturazione e manutenzione delle strade ed interventi per la cui realizzazione sono necessarie una pluralità di specifiche lavorazioni.
Nello specifico, a detta della stazione appaltante, i lavori di rivestimento non prevedono “opere per garantire stabilità dei pendii” bensì interventi atti a contenere l’eventuale caduta di massi distaccati o lo scivolamento di materiale detritico su piano viabile.

Ritenuto in diritto

L’Autorità ha evidenziato come la non corretta indicazione delle categorie di lavoro abbia importanti ricadute sul mercato, in quanto essa condiziona l’accesso delle imprese alle suddette gare.
Nel caso in esame, le lavorazioni, per quanto desumibile dalle voci del computo metrico estimativo in atti, riguardano non opere atte a garantire la stabilità di pendii, bensì opere aventi sostanzialmente la funzione di proteggere la sede stradale dalla caduta di massi sia mediante l’eliminazione di materiale già distaccato (disgaggio e la pulizia delle pareti rocciose) sia mediante il rivestimento dei tratti di parete interessati da degrado geostrutturale con l’applicazione di reti, funi e/o pannelli.
Pertanto, anche alla luce di quanto riportato nella deliberazione n. 83/2005, laddove è chiarito che “la categoria OS 12 indica come “barriere paramassi e simili” le opere che servono “... a proteggere dalla caduta dei massi”, attenendo non già alla stabilità delle scarpate quanto a lavorazioni ben precise non dipendenti dal sito dove le stesse devono svolgersi”, si ritiene che la categoria prevalente da indicare nel bando in questione sia la OS12- barriere e protezioni stradali.

In base a quanto sopra considerato

Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione, che le opere da appaltare, indicate nel bando indetto dall’ANAS s.p.a.- Compartimento della viabilità per la Calabria, appartengono alla categoria OS12 e non alla OG3.

Il Consigliere Relatore Il Presidente
Andrea Camanzi Luigi Giampaolino
Depositato presso la segreteria del Consiglio in data 1.08.2008

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information


Appaltiecontratti.it
 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information