UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
22/11/2017 21:23
Home Articoli APPALTI Obbligo di gara per appalti e concessioni

Obbligo di gara per appalti e concessioni

a cura di Giuseppe Morano, avvocato

Il Consiglio di Stato con la sentenza 394/2017 (in allegato), ha ribadito che i principi di libera circolazione dei servizi, par condicio, imparzialità e  trasparenza, si applicano anche a materie diverse dagli appalti.

È sufficiente che si tratti di attività suscettibili di un qualche apprezzamento economico.

La numerosa giurisprudenza richiamata in sentenza (Consiglio di Stato, Adunanza plenaria, 25 febbraio 2013 n. 5; sezione VI, 25 gennaio 2005 n. 168; 23 luglio 2008 n. 3642; 21 maggio 2009, n. 3145; sezione V, 23 novembre 2016 n. 4911) ha in più occasioni affermato, infatti, come i principi comunitari e nazionali in tema di libera circolazione dei servizi, di par condicio, d'imparzialità e di trasparenza si applichino anche a materie diverse dagli appalti, essendo sufficiente che si tratti di attività suscettibile di apprezzamento in termini economici.

 

La circostanza che con la concessione di area demaniale si fornisca un'occasione di guadagno a soggetti operanti sul mercato, comporta che i principi comunitari e nazionali collegati alla concorrenza, compreso quello dell'evidenza pubblica, siano applicabili anche alle concessioni di beni pubblici.

Il Consiglio di Stato precisa, inoltre, che chi occupa abusivamente un bene demaniale, anche nel caso in cui l'occupazione abusiva si protragga da lungo tempo, non può vantare alcuna aspettativa giuridicamente rilevante o alcun titolo preferenziale all'ottenimento della concessione, che può essere rilasciata solo attraverso la procedura di gara.

In questo quadro, rispetto al provvedimento di diniego della concessione e all'ordine di sgombero assunti dal Comune, non riveste alcuna rilevanza pregiudiziale né il procedimento di regolarizzazione della situazione debitoria pregressa relativa al mancato pagamento delle somme dovute a titolo di indennità per occupazione abusiva, né il procedimento di valutazione della compatibilità dei barconi sotto il profilo paesaggistico.

A prescindere dall'esito di tali procedimenti, il Comune non può procedere al rilascio della concessione in modo diretto alla società richiedente, poiché questo è precluso dall'obbligo di indire una gara per assegnare la concessione stessa.

Allegati:
SENTENZA[Obbligo di gara per appalti e concessioni]
 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information