UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
21/11/2017 01:49
Home Articoli APPALTI Servizi di ingegneria e architettura: le linee guida definitive ANAC

Servizi di ingegneria e architettura: le linee guida definitive ANAC

Dopo i passaggi presso Consiglio di Stato e Commissioni parlamentari, le novità di rilievo rispetto alla prima versione sono costituite dai parametri obbligatori per i compensi e da una serie di misure per favorire la massima partecipazione alle gare

L'Autorità Nazionale per l'Anticorruzione ha licenziato in via definitiva le Linee Guida relative ai servizi di ingegneria e architettura, le prime 'definitive' del Nuovo Codice degli Appalti (d.lgs 50/2016).

Le linee guida, dopo i passaggi di rito al Consiglio di Stato e presso le commissioni parlamentari, costituiscono un documento indispensabile per le pubbliche amministrazioni, chiamate a destreggiarsi al meglio tra la definizione dei bandi e la gestione delle gare in maniera chiara, trasparente e senza contestazioni.

Rispetto alla prima bozza varata a fine giugno, il testo definitivo introduce qualche novità, ma in larga parte conferma l'impianto generale messo anche in consultazione tra gli operatori.

L'indicazione chiave è quella relativa al calcolo dei compensi da porre a base delle gare, il cui riferimento sono i "parametri" contenuti nel DM Giustizia del 17 giugno 2016 che ha aggiornato il vecchio DM 143/2013.

L'Anac 'obbliga' le amministrazioni ad usare le tabelle del decreto in questione per determinare gli onorari di architetti e ingegneri, ma qui il Codice Appalti fornirebbe qualche facoltà in più alle PA: in definitiva, le tabelle vanno rispettate con l'avvertenza che i compensi posti a base di gara non devono mai superare l'importo dei vecchi minimi.

Le linee guida confermano anche tutta un'altra serie di misure per la massima partecipazione alle gare e un'indicazione sulla sicurezza, tra le quali:

- possibilità per le amministrazioni di sostituire la richiesta di un fatturato minimo con una copertura assicurativa contro i rischi professionali calcolata in percentuale rispetto al costo delle opere da progettare;
- inserire, nei bandi, la richiesta di prevedere sempre la presenza di un geologo nel gruppo di progettazione per aumentare il grado di sicurezza di costruzione degli edifici.

 

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information