UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
22/11/2017 19:19
Home Articoli EDILIZIA E URBANISTICA La nuova conferenza di servizi in 45 giorni

La nuova conferenza di servizi in 45 giorni

A cura di Franco Giuseppe Nappi

Dal 28 luglio le nuove regole: meno potere per le Soprintendenze, meno partecipanti, tempi certi per i pareri. Ma niente silenzio assenso sulla Via statale.

Tempi ancora più stretti per la conferenza semplificata on line, che andrà chiusa in appena 45 giorni (prima erano 60). Chiarimenti sulla disciplina del rappresentante unico delle amministrazioni periferiche dello Stato: sarà indicato dal prefetto.

E una tagliola per la fase transitoria: le norme in arrivo si applicheranno solo alle nuove procedure. Sono queste le novità più importanti del decreto sulla conferenza di servizi (Dlgs n. 127 del 2016) che, superata la trafila dei pareri e dopo l'approvazione del Consiglio dei ministri, è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale (n. 162 del 13 luglio) e andrà in vigore il prossimo 28 luglio.

Per il resto, vengono confermati i principi già emersi nei mesi scorsi: limitazioni al potere di veto delle sovrintendenze, riduzione del numero di partecipanti alle riunioni, tempi certi per la comunicazione dei pareri. Anche se resta un'eccezione importante. Le norme sul silenzio assenso non avranno valore per le opere sottoposte a via statale.

Un chiarimento importante arriva, infine, nella parte che regole le norme transitorie. Le disposizioni del decreto, infatti, saranno applicate solo ai procedimenti avviati «successivamente alla data della sua entrata in vigore».

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information