UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
24/11/2017 03:02
Home Articoli PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Approvato il decreto Enti locali

Approvato il decreto Enti locali

Risultati immagini per enti locali

Il Consiglio dei Ministri dell'11 giugno 2015, ha approvato un decreto legge recante misure urgenti in materia di Enti territoriali. Questi i principali campi di intervento.

1) Patto di stabilità. In materia di Patto di stabilità interno sono previste norme che allentano i vincoli consentendo a Comuni, Province e Città metropolitane margini maggiori per investimenti volti alla cura del territorio e all’erogazione dei servizi. In particolare, vengono rideterminati gli obiettivi del patto di stabilità interno dei Comuni per gli anni 2015-2018 concedendo agli enti un maggiore contributo di 100 milioni di euro (in termini di spazi finanziari) l’anno. A favore dei Comuni, inoltre, viene previsto un ammorbidimento delle sanzioni per il mancato rispetto del patto di stabilità interno nel 2014.

2) Pagamento debiti commerciali. Sul Pagamento debiti commerciali per l’anno 2015 sono...

incrementate di 2 miliardi di euro le risorse destinate alle Regioni e alle Province autonome per far fronte al pagamento dei debiti certi, liquidi ed esigibili maturati alla data del 31 dicembre 2014. L’importo di 2 miliardi è ulteriormente incrementato dalle eventuali risorse disponibili e non utilizzate per il pagamento dei debiti degli enti del Servizio Sanitario nazionale. Per il pagamento dei debiti certi, liquidi ed esigibili dei Comuni maturati al 31 dicembre 2014, vengono concessi ulteriori 850 milioni.

 

3) Fondo compensazione IMU e TASI. Per il 2015 è attribuito ai Comuni un contributo di 530 milioni di euro.

4) Anagrafe Nazionale Popolazione Residente (ANPR) e Carta d’identità elettronica. Si tratta di misure finalizzate all’ampliamento dell’ANPR attraverso l’informatizzazione dei registri di stato civile e delle liste di leva. Sono previste altresì disposizioni che consentono il superamento del documento digitale unificato attraverso la definitiva implementazione della nuova carta di identità elettronica.

5) Misure per l’accelerazione della ricostruzione in Abruzzo. Disposizioni per favorire l’accelerazione e la trasparenza degli interventi di ricostruzione degli immobili privati nei territori abruzzesi colpiti dal sisma del 2009.

6) Zone Franche Urbane dell’Emilia Romagna. Nei territorio dell’Emilia Romagna colpiti dall’alluvione del 17 gennaio 2014 e nei Comuni colpiti dal terremoto del 20 e 29 maggio 2012 viene istituita la zona franca che beneficia di consistenti agevolazioni fiscali.

7) Sisma Lombardia. Vengono stanziati 205 milioni di euro a favore delle popolazione della Lombardia colpite dal terremoto del 20 e 29 maggio 2012.

(Il Sole 24 Ore, PubblicaAmministrazione24, 12 giugno 2015)

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information