UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
18/11/2017 02:00
Home Articoli L'ESPERTO RISPONDE Questioni interpretative

Questioni interpretative

QUESITI:

Si chiede una corretta interpretazione normativa afferente alle problematiche di seguito elencate:

Accesso agli atti; la Società X ha notificato allo scrivente l’atto di cessione dei crediti di cui è beneficiaria nei confronti della società B, la quale società B vantava tali crediti nei confronti dell’Amministrazione Comunale. Ai sensi dell’art.117 del D.Lgs. 163/2006 le cessioni di crediti possono essere effettuate a banche o intermediari finanziari, pertanto, a suo tempo, questo servizio non recepiva tale cessione e ha proceduto alla liquidazione di quanto dovuto alla stessa società B...

 

Ad oggi la società A chiede di poter conoscere gli estremi dei suddetti pagamenti al fine di intraprendere le eventuali azioni di recupero di tali crediti.

Le domande sono: la cessione del credito, avvenuta tramite atto notarile ma non riconosciuta dalla stazione appaltante, è comunque costitutiva di un interesse specifico collegato ai documenti richiesti? E in caso di risposta affermativa, non dovremmo comunque negare tale accesso visto che tali dati sembrano rientrare nell’ambito dell’art. 24 comma 6 lettera d) della legge 241/90 e pertanto esclusi dal diritto di accesso?
Forniture e servizi; in un appalto di servizi per assistenza al parco automezzi dello scrivente, di importo totale di € 19.965,00 e quindi sottosoglia comunitaria, sia nella deliberazione di giunta che nella determinazione a contrarre è stato specificato che l’aggiudicazione definitiva avverrà fino a concorrenza dell’importo a base di gara.

Tale soluzione permette di includere prestazioni future non prevedibili al momento dell’indizione della gara, e quindi non inserite nel capitolato, ma che sicuramente si presenteranno in futuro data l’usura dei mezzi causata dal tempo e dal lavoro svolto. A norma di legge, esiste qualche impedimento riguardo l’aggiudicazione fino a concorrenza dell’intero importo, atteso che ci sarà un'economia derivante dal ribasso d'asta?

La Direzione dei lavori di un'opera pubblica è stata affidata ad uno studio associato composto da otto membri. Relativamente alle verifiche di cui all’art.38 del D.Lgs 163/2006 finalizzate alla stipula contrattuale, queste devono avvenire sul singolo studio associato o su tutti e otto membri presi singolarmente?

RISPOSTE:

Per visualizzare il contenuto richiesto bisogna essere utenti registrati ed in regola con il tesseramento annuale.



Effettua il login

Registrati

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information