UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
22/11/2017 02:38
Home Articoli EDILIZIA SOSTENIBILE E CERTIFICAZIONE ENERGETICA Obbligo di allegazione APE e nullità dei contratti: il Governo fa chiarezza

Obbligo di allegazione APE e nullità dei contratti: il Governo fa chiarezza

La questione della validità o meno dei contratti non accompagnati dall’Attestato di Prestazione Energetica, complicata dalle norme (Decreto Destinazione Italia e Legge di Stabilità 2014) approvate negli ultimi giorni dello scorso anno, trova una prima chiarificazione.

Recentemente, il Governo, rispondendo attraverso il Ministro della Giustizia ad un’interrogazione sul regime giuridico applicabile agli attestati di prestazione energetica con riferimento agli atti di trasferimento di immobili o ai contratti di locazione, ha intanto ribadito che la mancata allegazione dell’APE ai contratti di compravendita e affitto non produce nullità del contratto stesso, ma “solo” una sanzione pecuniaria che può raggiungere cifre anche molto impegnative (sanzioni fino a 18mila euro).

 

Un intervento di chiarezza necessario, perchè:

1. l’articolo 6, comma 3-bis, del decreto-legge 63/2013 (sulla prestazione energetica in edilizia), convertito dalla legge 90/2013 (entrata in vigore il 4 agosto 2013), ha sancito, a pena di nullità,  l’obbligo di allegazione dell’attestato di prestazione energetica;

2. il decreto legge 145/2013 (c.d. Destinazione Italia, entrato in vigore il 24 dicembre 2013 e non ancora convertito in legge), ha soppresso la predetta nullità dei contratti, prevedendo in caso di omessa dichiarazione o allegazione dell’attestazione di prestazione energetica ai contratti di compravendita immobiliare, agli atti di trasferimento di immobili a titolo oneroso e ai nuovi contratti di locazione di edifici, la sola applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria;

3. l’articolo 1, comma 139, lettera a), della legge 147/2013 (legge di stabilità 2014, entrata in vigore il 1° gennaio 2014) ha riconfermato – anche se con decorrenza differita – la nullità.

Su quest’ultimo punto, il Ministro Cancellieri nella seduta del 15 gennaio 2014, ha chiarito che la “Legge di Stabilità 2014 è intervenuta su una norma non più in vigore, essendo stata sostituita appena qualche giorno prima dal decreto legge Destinazione Italia”.

In definitiva, la conclusione del Ministro della Giustizia, sentito anche il Ministero dello sviluppo economico, si è convenuto che la nullità dei contratti di compravendita e di locazione a cui non sia stato allegato l’APE è da ritenersi una misura eccessiva, mentre l’applicazione della sanzione pecuniaria è una misura adeguata.

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information