UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
18/11/2017 15:05
Home Articoli ANTINCENDIO Antincendio - Edifici in regola entro fine 2015

Antincendio - Edifici in regola entro fine 2015

L'articolo 10-bis della legge 128/2013 prevede una serie di disposizioni in materia di prevenzione degli incendi negli edifici scolastici.

È utile ricordare che le «scuole di ogni ordine, grado e tipo ... con oltre 100 persone presenti, nonchè asili nido con oltre 30 persone presenti» sono ricomprese nell'elenco delle attività soggette a prevenzione incendi (Allegato I Dpr 151/2011).Questi edifici scolastici sono assoggettati alla cosiddetta prevenzione incendi e classificati, secondo una scala di rischio crescente, in categoria A fino a 150 persone, in B da 151 fino a 300 persone (nonchè tutti gli asili nido a prescindere dagli occupanti), in C oltre 300 persone.

Prima dell'avvio dell'attività scolastica ricadente nelle categorie citate è necessario presentare la Segnalazione certificata di inizio attività al comando provinciale dei vigili del fuoco territorialmente competente. Il regolamento del Dpr 151/2011 disciplina anche il rinnovo di conformità antincendio con cadenza quinquennale e gli obblighi connessi con l'esercizio dell'attività.

Questi adempimenti trovano una deadline attuativa nell'articolo 10-bis, comma 1, della legge 128/2013 per cui «le vigenti disposizioni legislative e regolamentari in materia di prevenzione degli incendi per l'edilizia scolastica sono attuate entro il 31 dicembre 2015». La portata del provvedimento, per la sua formulazione, è necessariamente da intendersi estesa a ogni edificio scolastico e a ogni disposizione in materia di prevenzione incendi.

Pertanto, anche gli edifici ove sono già in corso attività soggette alla prevenzione incendi (e attualmente in difformità), vengono messi in condizione di poter avviare un percorso di adeguamento alle norme vigenti entro il 2015.

Inoltre, l'articolo 10-bis prevede che le prescrizioni per l'attuazione delle disposizioni legislative e regolamentari siano definite con scadenze differenziate tramite Dm da emanare entro l'11 maggio 2014, in base all'articolo 15 del decreto legislativo 139/2006, tenendo conto della normativa sulla costituzione delle classi del Dpr 81/2009 e nel limite delle risorse disponibili a legislazione vigente.

(Claudio Degano, Il Sole 24 ORE – Norme e Tributi, Focus Il decreto scuola, 20 novembre 2013)

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information