UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
23/11/2017 14:07
Home Articoli Il piano paesaggistico della Puglia

Il piano paesaggistico della Puglia

Barbanente: “Strumento Essenziale.Coinvolte Le Comunità”

Un commento del Presidente di UNITEL PUGLIA, arch. Francesco Longo, dirigente settore UTC LL.PP. del Comune di Casarano (Le).

Arriva il nuovo Piano Paesaggistico della Puglia, strumento per tutelare, difendere e consentire una fruizione in sicurezza di quelli che sono i beni primari del territorio. Alle spalle un lavoro d’intesa con il Ministero per i Beni e le Attività culturali .

Il percorso che ha portato all’adozione del piano è stato scandito anche da momenti di confronto e apprendimento che hanno coinvolto una molteplicità di attori pubblici e privati, socio-economici e culturali, individuali e collettivi.

“A tutti costoro – dice l’Assessore alla Qualità del Territorio, Angela Barbanente – va la nostra gratitudine per aver contribuito nel corso di questi anni di intenso lavoro alla costruzione di uno strumento essenziale per elevare la qualità e fruibilità dei paesaggi di Puglia. Il piano paesaggistico è stato elaborato non solo per ottemperare al dettato del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio – aggiunge – ma soprattutto per diventare uno degli strumenti alla base delle politiche di sviluppo regionale. Per queste ragioni, abbiamo dedicato tanta attenzione al coinvolgimento e all’attivazione delle comunità locali”.

 

Il Piano comprende cinque progetti territoriali la cui finalità essenziale è elevare la qualità paesaggistica dell’intero territorio attraverso politiche attive di tutela e riqualificazione in cinque campi che rivestono primaria importanza anche per le interconnessioni che li legano ad altre politiche regionali sui temi dell’ambiente, dell’agricoltura, del turismo, del commercio, dell’industria e dell’artigianato. Essi sono: la Rete Ecologica Regionale, il Sistema infrastrutturale per la mobilità dolce, il Patto città-campagna, la Valorizzazione e riqualificazione integrata dei paesaggi costieri, i Sistemi territoriali per la fruizione dei beni culturali e paesaggistici.

Stessa finalità hanno le Linee guida, che consistono in raccomandazioni sviluppate in modo sistematico per orientare la redazione di strumenti di pianificazione e programmazione e di interventi in settori che richiedono un quadro di riferimento unitario di indirizzi e criteri: dalla qualificazione paesaggistica e ambientale delle infrastrutture viarie alla progettazione e localizzazione di impianti di energie rinnovabili, alla progettazione e gestione di aree produttive paesisticamente e ecologicamente attrezzate (APPEA), alla riqualificazione delle periferie e delle aree agricole perturbane, al recupero e riuso dei manufatti in pietra a secco, dell’edilizia e dei beni rurali.

“La Puglia- aggiunge Angela Barbanente- ha bisogno di questo Piano paesaggistico perché ha necessità, come l’Italia, di innovare e ampliare la base produttiva e creare nuova e migliore occupazione. Il Piano, infatti, fornisce supporto ad una visione di sviluppo diverso del territorio regionale, più durevole, sostenibile, ancorato alla tutela e valorizzazione degli straordinari paesaggi pugliesi. La coscienza sociale diffusa di tali valori ne è premessa essenziale, assieme alla messa a punto di strumenti di incentivazione atti a indirizzare i comportamenti di coloro i quali il paesaggio ‘producono’ e trasformano con le proprie attività agricole, artigianali, commerciali, turistiche, edilizie, infrastrutturali, inducendoli a migliorarne la qualità”.

L'arch. Francesco Longo, Dirigente dell'UTC LL.PP. del Comune di Casarano (Le) e Presidente di Unitel Puglia ( Unione nazionale Tecnici Enti Locali - Regione Puglia) cosi' commenta : " Speriamo che sia il segnale di una svolta in termini di semplicità ed efficacia "

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information