UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
20/11/2017 22:20
Home Articoli L'ESPERTO RISPONDE RUP e patto di stabilita'

RUP e patto di stabilita'

QUESITO:

Il comune nel quale presto attività, dal 1 gennaio 2013 è soggetto al patto di stabilità interno. Tale situazione ha determinato il blocco totale delle opere pubbliche dell’Ente trattandosi di Contratti d’Appalto stipulati nel novembre e dicembre 2012 e ultimo nel febbraio 2013. L’ufficio finanziario ha di fatto “congelato” le determinazioni di affidamento lavori complementari e le liquidazione inerenti S.A.L. maturati nell’anno 2013.

Il Responsabile del Servizio Tecnico, che riveste l’incarico di Assessore ai LL.PP. e Urbanistica dell’Ente, ha però deciso portare avanti le determinazioni e le proposte per la Giunta al fine di affidare l’incarico professionale esterno per progettazione dei lavori complementari di un’opera pubblica e per la liquidazione dei S.A.L. già maturati e per i quali le Imprese hanno emesso fattura. Si chiede quali responsabilità ricadano in capo al Responsabile del Servizio, ancorché politico, e soprattutto quali ricadano in capo al Responsabile del Procedimento nominato per ciascuna opera pubblica che, di fatto, predispone gli atti amministrativi. Il Responsabile del Servizio Tecnico è tenuto a dichiarare la “copertura monetaria”, oppure è di esclusiva competenza del Responsabile del Servizio finanziario?

A quali sanzioni è soggetto il Responsabile del Procedimento dei LL. PP. nella fattispecie?

RISPOSTA:

Per visualizzare il contenuto richiesto bisogna essere utenti registrati ed in regola con il tesseramento annuale.



Effettua il login

Registrati

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information