UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
23/11/2017 02:42
Home Articoli AMBIENTE Nuove regole per misurare la qualità dell'aria ambiente

Nuove regole per misurare la qualità dell'aria ambiente

E' apparso nella Gazzetta Ufficiale del 28 gennaio scorso, ed entrerà in vigore il prossimo 12 febbraio, il Dlgs 250/2012 che apporta modifiche importanti a l Dlgs 155/2010 sul controllo per la tutela della qualità dell'aria ambiente. Le modifiche prevedono in particolar modo il coinvolgimento della Conferenza Unificata relativamente alla misurazione dell'aria ambiente, all'impiego degli strumenti necessari a questo scopo, nonché alla comunicazione dei risultati delle misurazioni all'Unione Europea.

L'assunto di base, comunque, rimane lo stesso, ossia, la competenza sui controlli e la rilevazione dei livelli di qualità dell'aria ambiente rimane alle Regioni e a lle Province autonome. Al riguardo, il Dlgs 250/2012 ha effetti impegnativi per Regioni e Province autonome, perché i dati che questi enti devono raccogliere riguardano sia le attività produttive e di servizio che le infrastrutture e i mezzi di trasporto. Questi dati, poi, dovranno essere trasmessi al ministero dell'Ambiente, all'Ispra e all'Enea entro il 31 dicembre 2012 (altrimenti il rischio è che non vengano erogati i finanziamenti specifici da parte del ministero dell'Ambiente).

Altra puntualizzazione importante apportata dal decreto legislativo è che le Regioni devono procedere alla zonizzazione dei propri territori, e questo sia per provvedere ad eventuali interventi urgenti, sia comunque per garantire l'uniformità tra Regioni delle azioni di valutazi one e di gestione della qualità dell'aria ambiente. Il punto dolente della questione, però, è che la maggior parte delle Regioni è in forte ritardo nell'adozione dei piani previsti dal Dlgs 155/2010 volti alla riduzione del rischio di superamento dei valor i limite e della soglia di allarme e al mantenimento dei valori obiettivo (forse anche perché i piani prevedono la sospensione totale delle attività che contribuiscono al superamento dei valori limite e delle soglie di allarme).

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information