UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
25/11/2017 10:44
Home Articoli Considerazioni riguardo l’inserto Fondazionearching de “LA REPUBBLICA” del 09.02.2013

Considerazioni riguardo l’inserto Fondazionearching de “LA REPUBBLICA” del 09.02.2013

di Bernardino Primiani

Pur consci del periodo elettorale e del gergo correlato, è veramente difficile commentare l’avviso sotto riportato e fatto pubblicare – a pagamento - su “la Repubblica” del 9 febbraio u.s. dai Colleghi romani della Fondazione Architetti e Ingegneri Liberi Professionisti Iscritti ad Inarcassa, associazione, ad onor del vero, sconosciuta ai più...

Intendiamo sottolineare che, partendo da istanze condivisibili, ovvero la difesa del patrimonio edilizio del paese, e della sacralità della Professione intesa come servizio, gli estensori esplicitano il proprio progressivamente pensiero in maniera, per restare nella Capitale, un po’ “sbracata”, ed invero superficiale.

 

Non va certo ricordato a noi tecnici della P. A. cosa e quanto valgano i liberi professionisti, con i quali ci confrontiamo quotidianamente, né le difficoltà che la professione liberale comporta; non a caso da anni siamo vicini ad Assoarchitetti, la più prestigiosa associazione nazionale di categoria.

Siamo parimenti d’accordo riguardo alle criticità della turbolegislazione, neologismo del quale rivendichiamo il copyright, perché lo scontiamo tutti sulla nostra pelle, deliziandoci, rispetto ai Colleghi esterni, anche della affettuosa e costante “attenzione” della Corte dei Conti!

E’ stato pertanto con curiosità che abbiamo posto attenzione all’incipit del manifesto, apparentemente impeccabile, sino al punto del “cosa chiediamo al futuro governo”.

Su 8 punti programmatici rappresentati, infatti, pacifici quelli della incentivazione degli investimenti privati e dello snellimento procedurale, i restanti sei sembrano onestamente il libro dei sogni, in un Paese dove non vi sono le risorse neppure per le verifiche statiche delle scuole!

E’ certo comprensibile caso l’entusiasmo di una giovane organizzazione, pur se collegata, come sembra, ad una importante istituzione previdenziale (che, azzardiamo, forse si trova in scadenza del rinnovo delle iscrizioni), ma le ulteriori richieste, fatta salva come detto la modifica del codice degli appalti, sono sinceramente sbalorditive.

Per chi ha combattuto in maniera trasparente e democratica, riscontrando il voto pressoché unanime del Parlamento nel 2010, a difesa della professionalità dei Tecnici pubblici, e di un minimo di gratificazione incentivante, fa veramente male leggere parole così sprezzanti da parte di Colleghi che ben conoscono, a meno che non si dedichino all’arredameno od al recupero di androni condominiali, come si lavori in Amministrazione!

Non avremmo mai voluto leggere, al di la delle cifre campate in aria, da persone che svolgono il medesimo lavoro frasi come “ ingiustificata presenza… di strutture tecniche nella P.A.”, oppure “carrozzone non flessibile…”, “incentivo per svolgere solo ed unicamente il proprio lavoro”, e delizie consimili.

Sorvoliamo sulla successiva richiesta di incompatibilità del doppio lavoro, che ci pare sia normata sin dall’unità di Italia, ma certo testi elaborati in tale maniera inquisitoria e mistificante non contribuiscono alla instaurazione del rapporto di fiducia tra cittadino e P.A. che i Colleghi auspicano all’inizio dell’avviso!

Come progettisti orgogliosamente fieri del nostro lavoro quotidiano respingiamo al mittente queste accuse non volendo, al momento, né adire ulteriori possibilità di tutela della nostra immagine professionale, né dilungarci ulteriormente, in quanto, in attesa di una più corretta interpretazione della realtà da parte della Fondazione, ogni ulteriore rigo potrebbe legittimare chi, oggettivamente, al momento ha solo dato una dimostrazione di impotenza e velleitarismo.

Siamo profondamente dispiaciuti per loro.

Presidente nazionale UNITEL
Bernardino Primiani

 

Allegati:
Scarica[Nota in PDF]
Scarica[Articolo pubblicato su LA REPUBBLICA]
 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information