UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
22/11/2017 11:43
Home Articoli L'ESPERTO RISPONDE Applicazione disciplina per superamento barriere architettoniche - Quesito

Applicazione disciplina per superamento barriere architettoniche - Quesito

Ho predisposto un progetto di adeguamento di un piccolo alloggio con annesso laboratorio di parrucchiera, il fabbricato a suo tempo, nel 1973, è stato costruito con un bagno unico, che funzionava come servizio per l’attività di parrucchiera e per l’abitazione della stessa titolare dell’attività. Ho previsto l’adeguamento prevedendo un nuovo servizio igienico minimale uso spogliatoio per gli addetti all’attività di parrucchiera (madre e figlia) e separato il bagno esistente da destinare allo sola residenza. Per l’ASL la soluzione adottata va bene, il responsabile dell’ufficio tecnico comunale di ..., da circa un mese variato a seguito dell’

assenza per maternità della precedente titolare, mi contesta tale soluzione chiedendomi un bagno per tutti gli utenti dell’attività accessibile ai disabili, arrivando a ipotizzare un secondo bagno per gli addetti che sono in numero di due, madre e figlia. Tutto ciò partendo dal presupposto che l’attività di parrucchiera per donne è da considerare negozio aperto al pubblico, cosa che al sottoscritto non risulta, essenso l’attività di cui sopra a tutti gli effetti artigianale. La precedente responsabile dell’area tecnica non aveva mai sollevato problemi di sorte in casi analoghi.

 

RISPOSTA:



Per visualizzare il contenuto richiesto bisogna essere utenti registrati ed in regola con il tesseramento annuale.



Effettua il login

Registrati

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information