UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
20/11/2017 14:43
Home Articoli L'ESPERTO RISPONDE Permesso in sanatoria - Quesito

Permesso in sanatoria - Quesito

In data maggio 2010, a seguito di esposto da parte di un privato, è stato accertato da personale dell’U.T.C. e Comando Polizia Locale, attività edilizia abusiva consistente in costruzione di tettoie coperte per ricovero di mezzi di trasporto (autobus di linea), in area classificata all’epoca dell’abuso in zona “E Agricola” del vigente P.R.G., in cui tale attività non è esercitabile e nella quale sono possibili solo costruzione attinente alla residenza necessaria per la conduzione del fondo agricolo, nonché manufatti da adibire pertinenze rurali (stalle-fienili ecc.) .

Successivamente all’accertamento il Responsabile del Servizio Tecnico emetteva ordinanza di demolizione di opere abusive e ripristino dello stato dei luoghi, in attuazione di quanto previsto dall’art. 27 del D.P.R. n. 380/2001.
All’epoca dell’accertamento erano in corso le procedure di adozione del Regolamento Urbanistico, approvato successivamente in data 27.4.2011.

In virtù di detto Regolamento Urbanistico  il terreno sul quale erano state edificate le opere abusive, è stato trasformato in zona “D10 Area Insediamenti Produttivi “. Le norme tecniche di attuazione allegate al Regolamento Urbanistico in tale zona consentono le seguenti destinazioni uso:

  • Insediamenti commerciali ed artigianali che non comportino lavorazioni a forte tasso di inquinamento;
  • Alloggio custode con superficie utile non superiore a mq 125,00;
  • uffici ed attività direzionali;

e con le seguenti modalità di intervento:

  • In queste zone l'intervento è subordinato all'approvazione di Piani Attuativi convenzionati di iniziativa privata secondo le prescrizioni e le indicazioni contenute nel presente articolo e secondo i parametri della scheda normativa per le aree D10.
  • L'attuazione dovrà avvenire per isole omogenee.
  • L’art. 36 del D.P.R. n. 380/2001 “Accertamento di conformità “ prevede che in caso di interventi realizzati in assenza di permesso di costruire, o in difformità da esso, fino alla scadenza dei termini di cui agli articoli 31, comma 3, 33, comma 1, 34, comma 1, e comunque fino all'irrogazione delle sanzioni amministrative, il responsabile dell'abuso, o l'attuale proprietario dell'immobile, possono ottenere il permesso in sanatoria se l'intervento risulti conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della realizzazione dello stesso, sia al momento della presentazione della domanda.

Alla luce di quanto sopra esposto si chiede:

E’ possibile, in caso di richiesta di permesso di costruire in sanatoria, rilasciare la sanatoria, alla luce della nuova destinazione urbanistica attribuita alla zona interessata, intervenuta successivamente all’abuso riscontrato, non potendosi accertare la conformità urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della realizzazione dello stesso, sia al momento della presentazione della domanda?
Grazie.
Distinti saluti.

RISPOSTA:

Per visualizzare il contenuto richiesto bisogna essere utenti registrati ed in regola con il tesseramento annuale.



Effettua il login

Registrati

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information