UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
25/11/2017 00:52
Home Articoli SENTENZE Con riferimento alla domanda di declaratoria di inefficacia del contratto, non vi è...

Con riferimento alla domanda di declaratoria di inefficacia del contratto, non vi è...

Con riferimento alla domanda di declaratoria di inefficacia del contratto, non vi è luogo a provvedere atteso che la stazione appaltante ha comprovato che esso non è stato stipulato.

E’ stata peraltro disposta la consegna anticipata del servizio sotto riserva di legge, in favore dell’impresa controinteressata.

Detta consegna deve pertanto cessare per effetto dell’annullamento dell’aggiudicazione, fermi restando gli effetti della fornitura già eseguita in ossequio al principio generale in base al quale, tenuto conto dello stato dell’esecuzione e del diritto del ricorrente al subentro, l’inefficacia del rapporto sorto per effetto dell’aggiudicazione può essere dal giudice fissato ex nunc.

4. A decorrere dal termine di giorni quindici dalla comunicazione in via amministrativa, ovvero dalla notificazione, se anteriore, della presente sentenza dovrà pertanto essere disposto il subentro della ricorrente nella fornitura: ed infatti, la relativa domanda è insita in quella di reintegrazione in forma specifica, da ritenersi, peraltro, fondata sulla base della considerazione, decisiva, che la stazione appaltante ha comunque ammesso l’offerta della ricorrente alla gara e l’ha collocata in seconda posizione in graduatoria.

5. Quanto alla domanda di risarcimento del danno, atteso l’accoglimento, appunto, di quella di reintegrazione in forma specifica per la parte di fornitura ancora non eseguita, essa va accolta, per equivalente, limitatamente alla fornitura che il ricorrente non ha potuto offrire a causa della condotta colposa della stazione appaltante e della controinteressata cui il relativo onere va posto a carico, in solido.

Per la quantificazione si procede secondo equità a determinare il danno nella misura del 5% degli importi fatturati dalla controinteressata come da consuntivi depositati dalla stazione appaltante in data 3/11/2010 e da quelli successivi che il responsabile unico del procedimento provvederà ad attestare con riferimento al periodo che dal 21/10/2010 al momento del subentro.

6. Le spese seguono la regola della soccombenza e vengono liquidate in dispositivo.

PERTANTO IL TAR

accoglie la domanda di risarcimento del danno mediante reintegrazione in forma specifica disponendo il subentro dell’impresa ricorrente nel rapporto in atto, previa stipula del contratto, a decorrere dal quindicesimo giorno successivo alla comunicazione in via amministrativa, ovvero dalla notificazione, se anteriore, della presente sentenza;

accoglie la domanda di risarcimento del danno per equivalente secondo quanto specificato in motivazione, ponendo il relativo onere a carico delle parti resistenti, in solido

A cura di Sonia Lazzini

Riportiamo qui di seguito la sentenza numero 14216 del 2 dicembre 2010 pronunciata dal Tar Sicilia, Palermo

Allegati:
Scarica[Commento + Sentenza]
 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information