UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
25/11/2017 01:03
Home Articoli SENTENZE Il risarcimento in forma specifica si concretizza nella riammissione alla procedura

Il risarcimento in forma specifica si concretizza nella riammissione alla procedura

Il risarcimento in forma specifica si concretizza nella riammissione alla procedura a seguito della caducazione del contratto nel frattempo stipulato

Dall’accoglimento dell’appello e dalla riforma della sentenza impugnata segue l’annullamento dell’aggiudicazione della gara in favore di Controinteressata e la caducazione del contratto eventualmente concluso

con diritto dell’appellante Ricorrente Service al risarcimento del danno, che la stessa ricorrente (pag. 31 dell’appello) chiede con la modalità della reintegrazione in forma specifica con riammissione alla procedura, onde garantirle la possibilità di conseguire lo scrutinio dell’offerta a suo tempo formulata.

Ai sensi dell’art. 245-quinquies D.Lgs. n. 163/2006, nella modifica introdotta dall’art. 12, D.Lgs. n. 53/2010, applicabile ratione temporis, “l'accoglimento della domanda di conseguire l'aggiudicazione e il contratto è comunque condizionato alla dichiarazione di inefficacia del contratto ai sensi degli articoli 245-bis e 245-ter. Se il giudice non dichiara l'inefficacia del contratto dispone, su domanda e a favore del solo ricorrente avente titolo all'aggiudicazione, il risarcimento per equivalente del danno da questi subito e provato”.

8.2. In mancanza di notizie circa il successivo prosieguo della procedura di gara è necessario che entro venti giorni dalla notificazione o della comunicazione in via amministrativa della presente pronuncia, il Comune di San Daniele del Friuli faccia tenere al Collegio documentati chiarimenti sul punto, in particolare se il contratto sia stato stipulato e se il servizio sia già iniziato.

8.3. Poiché l’udienza del 27 novembre 2010 per la cui trattazione la causa era stata rinviata nel dispositivo n. 560/2010 del 23 luglio 2010 non figura nel decreto n. 48/20 del 21.10.10 di composizione dei Collegi della Quinta Sezione, è necessario aggiornarne la data al 25 gennaio 2011

A cura di Sonia Lazzini

Riportiamo qui di seguito la decisione numero 8419 del 3 dicembre 2010 pronunciata dal Consiglio di Stato

Allegati:
Scarica[Commento + Sentenza]
 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information