UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
23/01/2018 23:07
Home Articoli Validazione progetti: accolta la proposta Unitel

Validazione progetti: accolta la proposta Unitel

Validazione progetti: accolta la proposta Unitel

Nel correttivo del Codice le norme sui compensi ai dipendenti pubblici
Giuseppe Larosa – Consulente Nazionale UNITEL
Ingrid Titomanlio – Presidente giovani architetti Irpini
 

Dopo la “bocciatura” della Corte dei conti sull’eccesso di delega del Regolamento di attuazione del Codice dei contratti pubblici (Dlgs 163/2006), si sono aperti dibattiti, nelle competenti sedi istituzionali, sui vari profili censurati dalla magistratura contabile che, come da indiscrezioni dell’ultima ora, avrebbero indotto il Governo ad inserire nel cosiddetto terzo decreto correttivo alcune norme previste nel Regolamento e non registrate dalla Corte perché ritenute essere riservate alla normativa primaria e dunque “extra regolamento”.

Uno degli aspetti che interessano da vicino UNITEL (Unione Nazionale Italiana Tecnici Enti Locali, presieduta da Bernardino Primiani) è la cosiddetta “verifica del progetto” di cui all’art. 112 del Codice. In particolare, l’attenzione è posta sui compensi spettanti al personale dipendente delle strutture tecniche delle Stazioni appaltanti, e che il Regolamento aveva previsto all’art. 49.

Tale disposizione normativa, suggerita dalla Direzione Generale delle Regolazione del Ministero delle Infrastrutture per valorizzare il lavoro di verifica, peraltro non retribuibile attraverso l′incentivo di cui all’art. 92 comma 5 del Codice, e in linea con una analoga proposta UNITEL già formulata in sede di audizione all’VIII Commissione della Camera dei Deputati, ha raccolto il plauso dell’intera associazione, lieta dell’intervento del Governo su un tema così caro e così importante per i tecnici degli enti locali.

A seguito delle considerazioni formulate dalla Corte, sembrerebbe, tuttavia, che tale previsione (riconoscimento di un compenso per l’attività di validazione dei progetti ai dipendenti pubblici) sia stata trasfusa dal Regolamento nel Codice dei contratti pubblici attraverso l’introduzione (prevista dall’emanando terzo correttivo) di un comma 3-bis all’art. 112 del Codice, che recita: “In caso di verifica eseguita attraverso strutture tecniche della stazione appaltante al personale dipendente spetta un compenso, nella misura individuata da ogni stazione appaltante, non superiore a quello spettante per la medesima prestazione ad un soggetto esterno, da prevedere tra le spese tecniche del quadro economico di ciascun intervento”.

Si auspica che, nelle more della emanazione del correttivo, non ci siano mutamenti di orientamenti e che tale previsione sopravviva, premiando così quel processo di sensibilizzazione che UNITEL svolge oramai da anni sul territorio nazionale attraverso le molteplici attività volte a qualificare la figura del tecnico degli enti locali, attesi i compiti e le responsabilità a lui attribuite.

La validazione, introdotta per la prima volta dalla legge Merloni (Legge 109/1994), rappresenta una fase fondamentale del processo progettuale. Essa non deve considerarsi come mero “atto” burocratico e formale ma, come una tutela della stazione appaltante al fine di ridurre eventuali rischi (ad esempio varianti e contenziosi) in sede di esecuzione del contratto d’appalto.

L’allegato XXI al Codice dei contratti, nel riferirsi alla validazione, la definisce come “certificazione di conformità ed appaltabilità del progetto” rilasciata all’esito di una attività di verifica della “qualità” progettuale nonchè della correttezza delle soluzioni prescelte dal progettista e del rispetto delle esigenze funzionali ed economiche del soggetto aggiudicatore; tale attività comporta responsabilità ed oneri in capo ai tecnici che vi adempiono. Ciò che UNITEL sostiene è che a tali responsabilità tecniche e giuridiche proprie di ogni singolo tecnico, debba seguire un attestato di fiducia e di stima ai tecnici ed il giusto riconoscimento anche di compensi appropriati.


(riproduzione riservata)
 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information