UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
22/11/2017 19:23
Home Articoli SENTENZE Annullamento di aggiudicazione definitiva, inefficacia del contratto, subentro contrattuale e...

Annullamento di aggiudicazione definitiva, inefficacia del contratto, subentro contrattuale e...

Annullamento di aggiudicazione definitiva, inefficacia del contratto, subentro contrattuale e risarcimento per equivalente per la parte di servizio già eseguita dall’illegittima aggiudicataria

Prima di stipulare il contratto, la Stazione appaltante dovrà verificare il reale possesso dei requisiti sia di ordine generale che di ordine speciale: richiederà un’altra cauzione provvisoria?

E’ circostanza pacifica che il contratto sia stato stipulato dall’amministrazione, in forza dell’aggiudicazione invalida, già in data 2.08.2010, ossia ben prima dello scadere del termine dilatorio di cui all’art. 11 comma10 del codice dei contratti.

L’anticipata stipula ha impedito all’impresa ricorrente di avvalersi dei mezzi di ricorso, in tempo utile per inibirla, ed ha influito, aggiungendosi ai vizi propri dell’aggiudicazione, sulla possibilità della medesima di ottenere l’affidamento del servizio.

Il contratto, dunque, in osservanza del disposto di cui all’art. 121, lett. c) del codice di rito, dev’essere dichiarato inefficace ex tunc.

Considerata la disponibilità al subentro, espressamente manifestata dall’impresa ricorrente per il caso di inefficacia del contratto stipulato, può essere accordata alla stessa la tutela in forma specifica prevista dall’art. 124 del codice di rito, disponendo l’aggiudicazione e l’affidamento del servizio in suo favore, salvo, ovviamente, il buon esito delle verifiche previste ex lege anteriormente alla stipula del contratto.

Per il periodo in cui il contratto è stato eseguito, la Ricorrente Service non può ottenere la tutela in forma specifica, per cui si ritiene equo accordarle un risarcimento pari a due ventiquattresimi dell’utile d’impresa (quest’ultimo calcolato nella misura presuntiva del 10% del prezzo offerto).

Il risarcimento va posto a carico dell’Amministrazione resistente.

A cura di Sonia Lazzini

Riportiamo qui di seguito la sentenza numero 1335 del 19 novembre 2010 pronunciata dal Tar Calabria, Reggio Calabria,

Allegati:
Scarica[Commento + Sentenza]
 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information