UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
23/11/2017 04:39
Home Convegni Eventi e convegni nazionali Roma, 12/11/2010 - I Congresso Nazionale - Lettera Ing. Funaro

Roma, 12/11/2010 - I Congresso Nazionale - Lettera Ing. Funaro

Caro Presidente,

ho partecipato al primo congresso nazionale dell'Unitel con la curiosità di chi è mosso non da condizione di ..... appartenenza, ma dal desiderio di conoscere meglio problemi dei quali ero comunque a conoscenza per le ricorrenti conversazioni con l'amico carissimo Romolo Gagliardi, "prototipo" intelligente di tecnico moderno ed illuminato, rappresentate qualificato dell'Unione.

Il suo invito mi ha indotto prima ad iscrivermi all'Unitel, da libero professionista, e, in seguito, a partecipare al Congresso.

A parte inevitabili disagi di natura logistica, peraltro limitati grazie al lodevole sforzo organizzativo (ma il Malià è .... in una Roma diversa da quella conosciuta), desidero esprimerle l'apprezzamento per l'alta qualità del dibattito, nel corso del quale sono stati focalizzati temi vitali per una Amministrazione Pubblica moderna, professionalmente attrezzata, più efficiente ed adeguata alla domanda spesso esigente del cittadino-utente.

Mi è apparso significativo il fatto che ad essere dominanti siano stati i temi della responsabilità e della formazione continua, affrontati in una dimensione positiva e propositiva in cui il Tecnico rivendica un ruolo attivo e non subalterno, ed affida alla propria competenza e alla propria qualificazione professionale il compito, spesso arduo, di operare nella legalità, nella trasparenza e nell'interesse della Pubblica Amministrazione, sapendo farsi carico del peso delle responsabilità crescenti imposte dall'evoluzione del contesto funzionale e normativo all'interno del quale è costretto ad operare quasi sempre in condizioni di solitudine.

In tal senso la puntuale analisi emersa nel corso dei lavori sul ruolo e sulle competenze "allargate" del RUP ha offerto una chiave di lettura emblematica ed illuminante, che ha reso naturali le peraltro legittime rivendicazioni sindacali, collocate opportunamente sullo sfondo dei lavori, al punto da apparire un "complemento" delle analisi ed una loro fisiologica appendice.

Il coinvolgimento di relatori di grande spessore culturale ed istituzionale (Karrer, Sparaccio...) ha conferito respiro più generale al Congresso, peraltro reso vivo dal contributo pregnante degli operatori sul campo.

Auguro a Lei e all'Unione, di cui da oggi mi sento più partecipe, di proseguire nella direzione tracciata con coerenza ed incisività, nella convinzione che Tecnici più qualiuficati siano un prezioso presidio di cui l'intera società ha bisogno.

Cordiali Saluti

Ernesto Funaro

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information