UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
22/09/2014 20:14
Home Vita associativa L'esperto risponde Rinnovo contratto art.110 TUEL - quesito

Rinnovo contratto art.110 TUEL - quesito

E-mail Stampa PDF

Si deve rinnovare un contratto art.110 TUEL da 18 ore a 30 ore. Ciò pregiudica la possibilità di ottenere incarichi esterni senza richiedere nulla osta dell'amministrazione. Gli eventuali incarichi esterni, sono di natura libero professionale (da svilupparsi chiaramente nelle ore non interferenti con quelle previste nel servizio comunale), e consulenziali con Ente strumentale della regione con assenza di vincolo di subordinazione.

E’ possibile chiedere che tale opportunità possa essere prevista direttamente nel contratto con l'amministrazione comunale incaricante?


RISPOSTA
Ai sensi del comma 8 del dlgs nr. 165 del 2001, le pubbliche amministrazioni non possono conferire incarichi retribuiti a dipendenti di altre amministrazioni pubbliche senza la previa autorizzazione dell'amministrazione di appartenenza dei dipendenti stessi. Salve le più gravi sanzioni, il conferimento dei predetti incarichi, senza la previa autorizzazione, costituisce in ogni caso infrazione disciplinare per il funzionario responsabile del procedimento; il relativo provvedimento è nullo di diritto. In tal caso l'importo previsto come corrispettivo dell'incarico, ove gravi su fondi in disponibilità dell'amministrazione conferente, è trasferito all'amministrazione di appartenenza del dipendente ad incremento del fondo di produttività o di fondi equivalenti.
Pertanto, qualora il contratto ex art. 110 TUEl venga portato da 18 a 30 ore, qualora il professionista intenda stipulare contratti di prestazione d’opera con altri enti, occorre seguire la procedura del successivo comma 10, secondo il quale:
10. L'autorizzazione, di cui ai commi precedenti, deve essere richiesta all'amministrazione di appartenenza del dipendente dai soggetti pubblici o privati, che intendono conferire l'incarico; può, altresì, essere richiesta dal dipendente interessato. L'amministrazione di appartenenza deve pronunciarsi sulla richiesta di autorizzazione entro trenta giorni dalla ricezione della richiesta stessa.
Per il personale che presta comunque servizio presso amministrazioni pubbliche diverse da quelle di appartenenza, l'autorizzazione è subordinata all'intesa tra le due amministrazioni. In tal caso il termine per provvedere è per l'amministrazione di appartenenza di 45 giorni e si prescinde dall'intesa se l'amministrazione presso la quale il dipendente presta servizio non si pronunzia entro 10 giorni dalla ricezione della richiesta di intesa da parte dell'amministrazione di appartenenza. Decorso il termine per provvedere, l'autorizzazione, se richiesta per incarichi da conferirsi da amministrazioni pubbliche, si intende accordata; in ogni altro caso, si intende definitivamente negata.
Tanto premesso, è ben possibile che nel contratto di collaborazione ex art. 110 del TUEL sia inserita una clausola o patto che consenta al dipendente esterno di effettuare collaborazione con altri enti. Occorre, però, che questa clausola sia stata preventivanebte assentita dalla amministrazione “principale” sulla base di una valutazione di interessi effettuata dalla stessa amministrazione.
Al fine di stabilire chi sia che, in nome e per conto della amministrazione, conceda un preventivo nulla osta a futuri incarichi con amministrazioni terze, bisogna verificare chi sia il soggetto deputato ad esprimerne la volontà.
In particolare la autorizzazione potrebbe essere data preventivamente (e, di poi, riprodotta nel contratto) dal dirigente, cui, ex art. 107 comma 3 lett. f) del TUEL, spetta la adozione dei provvedimenti di autorizzazione, concessione o analoghi, il cui rilascio presupponga accertamenti e valutazioni, anche di natura discrezionale, nel rispetto di criteri predeterminati dalla legge, dai regolamenti, da atti generali di indirizzo, ivi comprese le autorizzazioni e le concessioni edilizie;  oppure perché ad essi detta facoltà è stata riconosciuta, comunale, ai sensi della successiva lettera i che ricomprende gli atti ad essi attribuiti dallo statuto e dai regolamenti o, in base a questi, delegati dal sindaco.
Si fa presente, comunque, che, dato che ai sensi dell’art. 110, comma 1, del TUEL è lo statuto a prevedere la possibilità di stipulare contratti di diritto pubblico (o, eccezionalmente, di diritto privato) a tempo determinato, bisognerà verificare a chi lo statuto attribuisce il potere di stipulare detti contratti; il soggetto (o l’organo) investito di questa facoltà ben potrà, se ne ricorrono i presupposti e condizioni, prevedere in via anticipata il nulla osta per altre collaborazioni “riproducendo” la sua volontà nello stipulando contratto.

 

 

Tesseramento 2014

Tipo di iscrizione

Tesseramento 2014

Per i nuovi tesserati, dopo il pagamento online, è obbligatorio inviare il Modulo di adesione compilato e sottoscritto.

L'edicola UNITEL

Banner

I LAVORI PUBBLICI - FORMULARI sempre aggiornati On-Line
LA PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI PER I TECNICI DEGLI ENTI LOCALI Volumi + Software - SITO WEB

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner