UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
21/11/2017 05:40
Home Articoli SENTENZE la fideiussione bancaria ha indicato i soggetti garantiti, cioè la costituenda ATI e le imprese partecipanti.

la fideiussione bancaria ha indicato i soggetti garantiti, cioè la costituenda ATI e le imprese partecipanti.

la fideiussione bancaria ha indicato i soggetti garantiti, cioè la costituenda ATI e le imprese partecipanti.

La garanzia copre le obbligazioni derivanti tanto da fatti addebitabili alla costituenda riunione di imprese, quanto alla capogruppo mandataria designata ed alle imprese mandanti.

Pertanto la cauzione prestata dall’ATI aggiudicataria risulta conforme ai parametri indicati dalla giurisprudenza (decisione n. 8/2005 dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato), secondo cui “la questione della sottoscrizione da parte delle imprese associate in un raggruppamento di imprese costituendo non assume valore decisivo alla luce della peculiarità del contratto di fideiussione.”

Dunque, la cauzione prestata dall’ATI aggiudicataria era, sin dall’inizio, perfettamente corrispondente alle prescrizioni del bando di gara e alla disciplina inderogabile applicabile alla fattispecie. Ne deriva che non assume alcuna rilevanza la circostanza che l’idoneità della garanzia sia stata affermata dalla stazione appaltante sulla base dei chiarimenti richiesti all’istituto bancario fideiussore

Le appellanti sostengono, anzitutto, che l’offerta dell’ATI aggiudicataria avrebbe dovuto essere esclusa, per la mancanza della prescritta cauzione provvisoria.
A loro dire, le imprese della costituenda ATI avrebbero depositato una fideiussione bancaria il cui contenuto non risponderebbe ai requisiti minimi a copertura della cauzione provvisoria.
Qual è il parere dell’adito giudice amministrativo di appello del Consiglio di Stato?

La censura non è fondata.
Il bando di gara prescrive che “in caso di costituenda riunione di imprese, la predetta cauzione deve richiamare la natura collettiva della partecipazione alla gara di più imprese identificandole singolarmente e deve essere intestata alla capogruppo designata ed alle mandanti”.
Nel caso di specie, tale prescrizione, chiara ed esplicita, risulta puntualmente rispettata, in quanto la fideiussione bancaria ha indicato i soggetti garantiti, cioè la costituenda ATI e le imprese partecipanti.
La garanzia copre le obbligazioni derivanti tanto da fatti addebitabili alla costituenda riunione di imprese, quanto alla capogruppo mandataria designata ed alle imprese mandanti.
La fideiussione contiene la seguente dizione: “dichiara di costituirsi, come con il presente atto si costituisce, fideiussione solidale nell’interesse della capo gruppo Controinteressata Construction Company S.p.A. in nome e per conto dell’Associazione Temporanea d’imprese: Controinteressata Construction Company S.p.A. e Gaetano Controinteressata due S.p.A. a favore di codesta spett.le Casa di “Ciasa Ojöp Freinandemetz Ö.B.P.B” fino alla concorrenza massima di Euro 536.345,87”.
La formula utilizzata dalle imprese concorrenti rispecchia puntualmente le prescrizioni del bando, anche prescindendo dai chiarimenti poi richiesti dalla stazione appaltante, in data 12 gennaio 2009.
I chiarimenti forniti al riguardo confermano che la “fideiussione debba intendersi come emessa in nome e per conto di tutte le singole imprese: Controinteressata Construction Company S.p.A. Campo Tures/Molini via Industriale 12 e Gaetano Controinteressata due S.p.A. Padova, via Cile 10, così come del resto già evidenziato nel testo della fideiussione medesima, e, pertanto, nelle espressioni sintetiche “aggiudicatario” o “debitore principale” sempre contenute nel testo della fideiussione, sono da ricomprendere tutte le summenzionate imprese, il cui comportamento è quindi garantito dalla summenzionata fideiussione ai sensi e per gli effetti dell’art. 44, somma 5 del D.P.P. 5 luglio 2001 n. 41”.
Pertanto la cauzione prestata dall’ATI aggiudicataria risulta conforme ai parametri indicati dalla giurisprudenza (decisione n. 8/2005 dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato), secondo cui “la questione della sottoscrizione da parte delle imprese associate in un raggruppamento di imprese costituendo non assume valore decisivo alla luce della peculiarità del contratto di fideiussione.”
“Nel contratto di fideiussione, il fideiussore garantisce l'adempimento della obbligazione altrui, obbligandosi personalmente verso il creditore.
Il contratto interviene tra il garante (qui l'istituto di credito) ed il beneficiario (qui la stazione appaltante) e si perfeziona con la comunicazione a quest'ultimo (cfr. art. 1333 cod. civ.).
Il garantito (nella specie l'A.T.I. costituenda) non è parte necessaria.
La fideiussione è infatti efficace anche se il garantito non è a conoscenza del contratto (art. 1936 secondo comma c.c.). Il fatto che nella polizza fideiussoria di specie non compaia la sottoscrizione del garantito (e a maggior ragione di uno dei due componenti del raggruppamento) non assume quindi di per sé alcun rilievo ai fini del perfezionamento e dell'efficacia della garanzia.
In proposito, va sottolineato che la causa del contratto di fideiussione è la garanzia di un debito altrui e che, stante il carattere accessorio della garanzia, il fideiussore, nel manifestare in modo espresso la volontà di prestarla (art. 1937 c.c.), deve anche indicare la obbligazione principale garantita, il soggetto garantito, le eventuali condizioni e limitazioni soggettive ed oggettive della garanzia rispetto all'obbligazione principale.
Il debito e il soggetto terzo devono essere quantomeno determinabili. Il che risponde ad un principio generale, in materia contrattuale, secondo cui l'oggetto del contratto stesso deve essere determinato o almeno determinabile a pena di nullità (artt. 1346 e 1418 c.c.).”
Dunque, la cauzione prestata dall’ATI aggiudicataria era, sin dall’inizio, perfettamente corrispondente alle prescrizioni del bando di gara e alla disciplina inderogabile applicabile alla fattispecie. Ne deriva che non assume alcuna rilevanza la circostanza che l’idoneità della garanzia sia stata affermata dalla stazione appaltante sulla base dei chiarimenti richiesti all’istituto bancario fideiussore.

Riportiamo qui di seguito la decisione numero 6790 del 15 settembre 2010 pronunciata dal Consiglio di Stato
Allegati:
Scarica[Commento + Sentenza]
 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information