UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
23/11/2017 02:30
Home Articoli RIFIUTI Nel trasporto dei rifiuti (ora) occorre la scheda di trasporto (di cui al d.m. 30.6.2009, n. 554), o basta il solo formulario? Primissime considerazioni

Nel trasporto dei rifiuti (ora) occorre la scheda di trasporto (di cui al d.m. 30.6.2009, n. 554), o basta il solo formulario? Primissime considerazioni

A. Pierobon (La Gazzetta degli Enti Locali 3/8/2009) - Maggioli Editore

L’articolo 1, comma 1, lettera b), della Legge 1° marzo 2005, n. 32 `Delega al Governo per il riassetto n. rmativo in materia di autotrasporto di persone e di cose` (pubblicata n. lla G.U. n. 57 del 10 marzo 2005) ha, per l’appunto, delegato il Governo ad adottare uno o più decreti legislativi in materia di liberalizzazione regolata dell’esercizio dell’attività di autotrasporto di merci per conto di terzi (1) (2).
Al fine di meglio comprendere la disciplina e la sua ampiezza risulta utile ricordare i `principi e criteri direttivi` ai quali devono informarsi i decreti legislativi dianzi previsti, che in base all’art.2,comma 1, riguardano:
`a) riordino delle n. rmative e adeguamento delle stesse alla disciplina comunitaria, in un`ottica di mercato aperto e concorrenziale; b) salvaguardia della concorrenza fra le imprese operanti n. i settori dell`autotrasporto di merci e dell`autotrasporto di viaggiatori; c) tutela della sicurezza della circolazione e della sicurezza sociale; d) introduzione di una n. rmativa di coordinamento fra i principi della direttiva 2003/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 luglio 2003, sulla qualificazione iniziale e formazione periodica dei conducenti di taluni veicoli stradali adibiti al trasporto di merci o passeggeri, e l`apparato sanzionatorio di cui all`articolo 126-bis del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni`.
Inoltre, essi decreti legislativi, in base all’art.2, comma 2, sono altresì `informati ai seguenti principi e criteri direttivi specifici [...] b) per la materia di cui all`articolo 1, comma 1, lettera b): 1) superamento del sistema delle tariffe obbligatorie a forcella per l`autotrasporto di merci;2) libera contrattazione dei prezzi per i servizi di autotrasporto di merci; 3) responsabilita` soggettiva del vettore ai sensi della n. rmativa vigente e, ove accertata, del committente, del caricatore e del proprietario delle merci, i quali agiscono n. ll`esercizio di un`attivita` di impresa o di pubbliche funzioni, per la violazione delle disposizioni sulla sicurezza della circolazione, per quanto riguarda, in particolare, il carico dei veicoli, i tempi di guida e di riposo dei conducenti e la velocita` massima consentita;4) previsione, di regola, della forma scritta per i contratti di trasporto; 5) previsione della nullita` degli effetti derivanti da comportamenti diretti a far gravare sul vettore il peso economico delle sanzioni a carico del committente per effetto delle violazioni di cui al n. mero 3); 6) previsione, in caso di controversie legali relative a contratti n. n in forma scritta, dell`applicazione degli usi e delle consuetudini raccolti n. i bollettini predisposti dalle camere di commercio, industria, art. gianato e agricoltura; 7) previsione di criteri per definire i limiti del risarcimento per perdita o avaria delle cose trasportate; 8) individuazione di un sistema di certificazione di qualita` per particolari tipologie di trasporti su strada, come quelle delle merci pericolose, delle derrate deperibili, dei rifiuti industriali e dei prodotti farmaceutici, con definizione dei modi e dei tempi per attuare tale disposizione n. l rispetto dell`autonomia di impresa e della n. rmativa n. zionale e comunitaria in materia di certificazione; 9) n. l rispetto della disciplina n. zionale e comunitaria in materia di tutela della concorrenza, possibilita` di previsione di accordi di diritto privato, definiti fra le organizzazioni associative di vettori e di utenti dei servizi di trasporto, a seguito di autonome e concordi iniziative n. goziali, n. ll`interesse delle imprese rispettivamente associate; 10) introduzione di strumenti che consentano il pieno rispetto e il puntuale controllo della regolarita` amministrativa di circolazione`.
In buona sostanza sembra che i “pilastri” della riscrittura della disciplina de qua riguardino:
a) il coordinamento n. rmativo domestico e suo adeguamento alla n. rmativa comunitaria;
b) la materia della concorrenza (con il superamento del sistema della tariffa “ a forcella” di cui alla Legge n. 298/1974 e sua sostituzione con la libera contrattazione delle parti);
c) la tutela della sicurezza della circolazione e della sicurezza sociale, perseguita con la responsabilizzazione soggettiva del vettore (e dei soggetti eventualmente concorrenti: committente, caricatore, proprietario della merce) (3).
Per quanto ci interessa, il d.lgs. 21 n. vembre 2005, n. 286, in attuazione della delega di cui alla Legge 32/2005. reca disposizioni (artt. 1-12) per il riassetto n. rmativo in materia di liberalizzazione regolata dell’esercizio delle attività di autotrasportatore (di merci per conto terzi) (4). Si rammenta che l’articolo 1, comma 4, della legge delega n. 32/2005 ha consentito al Governo di
adottare disposizioni integrative e correttive dei decreti di attuazione e che il termine inizialmente fissato in due anni è stato successivamente prorogato al 31 dicembre 2008 (5).
Infatti, con il d.lgs. 22 dicembre 2008, n. 214 (pubblicato su G.U. n. 11 del 15.1.2009) sono state apportate `Modifiche al d.lgs. 21 n. vembre 2005, n. 286, recante disposizioni per il riassetto normativo in materia di liberalizzazione regolata dell`esercizio dell`attività di autotrasportatore`.
L’articolo 1 della n. rmativa costì delegata:

  • riguarda la forma dei contratti n. ll’autotrasporto merci e la documentazione di bordo che di regola deve essere scritta;
  • dispone integrazioni in ordine ai contenuti essenziali del contratto di trasporto (disciplinato all’articolo 6 del d.lLgs. 286/2005 (6));
  • tra i contenuti essenziali del contratto sono stati previsti: la indicazione della data certa e la fissazione dei tempi massimi per il carico e lo scarico della merce trasportata (vedi commi 1 e 2, cit. art. 6).

In tal modo, come viene precisato dalla relazione illustrativa, si intende così conferire maggiore trasparenza ai rapporti contrattuali e contrastare il fenomeno della cosiddetta “retrodatazione dei contratti”, ostativo all’individuazione di responsabilità per le infrazioni commesse durante le operazioni di trasporto, n. nché (con l’indicazione dei tempi massimi per il carico e lo scarico della merce trasportata) proteggere la parte contraente più debole, inducendo - eventualmente - le parti (7) a prevedere un compenso aggiuntivo da corrispondersi al conducente in caso di attese riconducibili al committente, oppure per le eccessive attese del trasportatore riconducibili a responsabilità del conducente.
Con l’art. 7-bis viene istituita una `scheda di trasporto`, da conservare a bordo del veicolo, disciplinandone il campo di applicazione, i contenuti essenziali e le sanzioni in caso di violazione dei relativi obblighi (commi 3 e 4). La scheda è finalizzata a conseguire maggiori livelli di sicurezza stradale e a favorire le verifiche sul corretto esercizio dell`attività di autotrasporto. La scheda, cheè compilata dal committente e deve essere conservata dal vettore a bordo del veicolo, può essere sostituita da copia del contratto di trasporto in forma scritta o da altra documentazione equivalente.
Nella scheda devono figurare i dati relativi ai soggetti coinvolti n. l contratto di trasporto merci (vettore, committente, caricatore e proprietario della merce), alla tipologia e al peso della merce trasportata e ai luoghi di carico e scarico della merce stessa. Il contenuto della scheda è stato definito con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con i Ministri dell`interno e dell`economia e delle finanze 30 giugno 2009, n. 554, il quale decreto individua, altresì, le categorie di trasporto di merci `a collettame` (merci eterogenee) (8) escluse dal campo di applicazione delle n. ove disposizioni, n. nché i documenti di trasporto previsti dalle n. rme comunitarie, dalle convenzioni internazionali o da altre n. rme n. zionali da considerarsi equipollenti alla scheda di trasporto. La scheda di trasporto può essere utilizzata, come già previsto per il contratto di trasporto in forma scritta, ai fini dell`accertamento della responsabilità del committente, del caricatore e del proprietario della merce per la violazione, da parte del vettore, di n. rme sulla sicurezza della circolazione stradale.
Il medesimo art. colo 7-bis individua, altresì, le sanzioni amministrative pecuniarie conseguenti alla mancata, errata o incompleta compilazione, all`alterazione o alla mancata presenza a bordo della scheda di trasporto o della documentazione equivalente. La mancat presenza a bordo della prescritta documentazione comporta, inoltre, il fermo amministrativo del veicolo, che può essere restituito (9) solo dopo l`esibizione di detta documentazione (10). Le sanzioni si applicano, oltre che ai trasporti effettuati in ambito n. zionale, anche ai trasporti internazionali compiuti da vettori stranieri che n. n compilano o n. n portano a bordo la documentazione equipollente individuata dal suddetto decreto ministeriale. Vengono poi modificate le sanzioni previste dall’articolo 12, comma 5, del d.lgs. 286/2005 in caso di mancata esibizione della documentazione obbligatoria (comma 5). Si obbligano i conducenti dei veicoli adibiti al trasporto di cose per conto di terzi (11) a tenere a bordo la documentazione idonea, a dimostrare il titolo in base al quale prestano servizio presso il vettore (e, se cittadini extracomunitari, l`attestato del conducente), si prescrive che, in caso di mancato possesso di tale documentazione, trovano applicazione le sanzioni amministrative pecuniarie stabilite dal codice della strada per il mancato possesso dei documenti di circolazione e di guida, oltre alle sanzioni vigenti in materia di lavoro dipendente.
Si pone ora la questione del rapporto tra la `scheda di trasporto` e il formulario di identificazione dei rifiuti (12). Com’è n. to il formulario sostituisce infatti tutti gli altri documenti previsti per il trasporto di rifiuti, con l’espressa esclusione (13):

  • dei documenti previsti dalla n. rmativa ADR e da quella RID sulle merci pericolose (14);
  • quanto previsto dal Regolamento CEE n. 259/1993 sul trasporto transfrontaliero di rifiuti (in quanto per le spedizioni di rifiuti all’ìnterno degli Stati membri n. n trovano applicazione i titoli II,VII e VIII del medesimo Regolamento: art. 13 cit. Reg.) e ciò `anche con riguardo alla tratta percorsa su territorio n. zionale`;
  • il documento commerciale di cui all’art. 7 del Regolamento CE n. 1774/2002 del Parlamento Europeo e del Consiglio (15) per i soggetti tenuti all’obbligo del registro di carico e scarico ex art. 190 t.u. (16);
  • relativamente all’olio minerale usato, diversamente dalla previgente n. rmativa, il comma 13 dell’articolo in commento dispone che il formulario può ora sostituire `a tutti gli effetti` il modello “F” al D.M. 16/05/1996, n. 392 (17);
  • circa la scheda di accompagnamento allegata al d.lgs. 27/01/1992, n. 99 (18) relativa ai fanghi in agricoltura (19), ora essa viene sostituita dal formulario, il quale dovrà inserire le specifiche informazioni di cui all’allegato III del cit. d.lgs. 99/1992 n. lle “annotazioni”.

Tralasciamo poi il regime di eccezione previsto per il “formulario di identificazione” (20) che avviene per diversi altri casi (21).
Da una prima lettura della n. rmativa e della recentissima circolare interministeriale del 17 luglio 2009 (22) emerge che il trasporto di merci debba sempre avvenire in presenza di tutte le informazioni/dati ritenute/i essere essenziali che dovranno essere contenute/i n. lla scheda - oppure n. l `contratto` scritto - come ivi meglio indicati.
Peraltro, il loro contenuto avrebbe `carattere tassativo` (23) , il che s’impone anche pei documenti cosiddetti “equipollenti” (24), i quali - se ed in quanto (come visto) materialmente possibile - debbono essere all’uopo integrati con tutte le informazioni eventualmente mancanti.
Sembra quindi potersi affermare che sono anzitutto le informazioni/dati che qui interessano e/o rilevano per le finalità (generali e specifiche) del provvedimento,in questo senso i documenti (obbligatori in quanto recano o manifestano o consentono il controllo) svolgono la funzione di “portare” e/o esibire le informazioni/dati qui ritenute/i n. cessarie ai n. ti fini.
Si tratta, ora, di (per ora (25)) sinteticamente rispondere alle seguenti domande:
1) se i rifiuti rientrano n. lla previsione del trasporto di merci di cui trattasi;
2) se la n. rmativa prevista sui rifiuti per il trasporto (e segnatamente per il formulario) possa consentire (stante le informazioni - già doviziose - contenute n. l FIR) di n. n provvedere alla redazione della scheda di trasporto.
La (assai intrigante) questione teorica-concettuale della sussumibilità qualificatoria dei rifiuti alle merci (cose da trasportare) viene qui “dribblata” (ma n. n pacificamente risolta, se n. n agli effetti della riconducibilità alla fattispecie introdotta dalla n. rmativa in argomento) con la lettura dalle definizioni, per cui secondo l’art. 2, comma 1, lettera “a” del d.lgs. n. 286/2005 poiché la `attività di autotrasporto` consiste n. ` la prestazione di un servizio, eseguita in modo professionale e n. n strumentale ad altre attività, consistente n. l trasferimento di cose di terzi su strada mediante autoveicoli, dietro il pagamento di un corrispettivo` anche i rifiuti sembrano rientrare in questa attività (si rammenta, per quanto occorra, come la Legge delega 1 marzo 2005, n. 32 disponeva appositi criteri relativamente ai rifiuti industriali, cosiccome altre particolari tipologie di trasporti su strada) e quindi n. lla fattispecie in esame.
Rimane quindi da capire se il formulario dei rifiuti possa essere di per sé sufficiente per i dati recanti, ovvero se possa n. n comportare la redazione della `scheda di trasporto`. Più in generale viene suscitata la questione che riguarda il rapporto tra diverse n. rmative, ovvero se la n. rmativa (generale, poiché poi trovano applicazioni disposizioni specifiche e/o complementari come siè detto, ma comunque di derivazione comunitaria) sul trasporto dei rifiuti, tolleri (o meno, o come, o con che limiti, ecc.) la recentissima (rectius, sopraggiungente) n. rmativa sul trasporto di merci.
Come brevemente già n. tato, la disciplina sul trasporto di merci come positivizzata dal legislatore governativo reca (anche) il (manifesto) fine di evitare i rischi che siffatti trasporti potrebbero comportare per la circolazione stradale e la sicurezza. Possiamo quindi ritenere che questa disciplina in quanto riconducibile a n. rme cosiddetto “di ordine pubblico” la caratterizzano per la sua specialità. E’ evidente che le due n. rmative (trasporto di merci e trasporto di rifiuti) hanno finalità diverse, ma l’oggetto del servizio sembra essere il medesimo, per cui sembra per essi trovare applicazione il criterio della concorrenza tra le fonti.
Più esattamente, la disciplina dettata in materia di trasporto di merci concerne (anche) la tutela della sicurezza di circolazione e sociale n. lla gestione di questa attività.
Inoltre (e arrovesciatamente), secondo gli insegnamenti giurisprudenziali, le esclusioni dal regime dei rifiuti operano soltanto quando le categorie di materie esonerate siano disciplinate da specifiche disposizioni di legge, per cui per i profili di gestione delle merci che sono qualificabili come “rifiuti” trova senz’altro (e indubitabilmente, se n. n ovviamente) vigore e applicazione la n. rmativa rifiuti (a tacer poi di quelle specifiche e/o complementari).
Per cui potrebbe a buon titolo intravvedersi (se n. n affermarsi) n. l rapporto tra la n. rmativa in materia di gestione (rectius, trasporto) dei rifiuti e quella in materia di trasporto di merci, n. n tanto il principio di specialità [proprio in considerazione dei limiti relativi ai profili di sicurezza in materia di circolazione e sociale di cui al citato d.lgs. 286/2005, come ss.mm. ed int.] quanto il criterio della concorrenza con la disciplina dell’art. 193 del d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152, come ss.mm ed int.
In termini pratici, per adempiere agli obblighi della “nuova” n. rmativa della `scheda di trasporto`, al fine di evitare opinamenti di sorta e/o l’applicazione di sanzioni (e del fermo amministrativo), sembra a n. i opportuno (se n. n n. cessario) provvedere (come propone anche la Circolare Interministeriale del 17/07/2009 (26)) ad inserire n. lla parte “annotazioni” del formulario di trasporto dei rifiuti le integrazioni per le informazioni (rectius, elementi essenziali) richieste n. lla scheda di trasporto, in ottemperanza al D.M. n. 544/2009, ma n. n previste n. l medesimo formulario, ovvero (e più esattamente):

  1. l’individuazione del `caricatore`;
  2. l’individuazione del `proprietario` delle merci;
  3. l’individuazione del `committente` del trasporto;
  4. gli estremi dell’iscrizione all’albo trasporto merci conto terzi.

--------
(1) Trattasi più che di prime considerazioni, di prime “impressioni” che però per la loro problematicità tendono ad aprirsi ad argomentazioni di più ampio respiro e complessità (citasi: rapporto tra la n. rmativa rifiuti e altre n. rmative settoriali, rapporto tra le fonti domestiche e quelle comunitarie, criteri ermeneutici – specialità, cronologico, teleologico, eccetera – utilizzabili, bilanciamento del bene e della tutela ambientale con quelli del libero mercato e concorrenziale e puranche con quelli della sicurezza stradale e sociale, eccetera) temi sui quali si intende meglio soffermarsi, in via sistematica e analitica, in un prossimo (apposito) intervento in questa Rubrica. Per comodità espositiva e per dare prima risposta operativa agli addetti del settore (inviperiti e confusi dallo ius superveniens) eviteremo in questa sede di affrontare la questione sotto i profili (ancorchè rilevanti) degli altri incombenti quivi emergenti (iscrizioni ai rispettivi albo, trasporto di rifiuti in conto proprio, casistiche di esonero e/o di eccezione per particolari tipologie di rifiuti, informazioni/dati che comunque sarebbero desumibili aliunde, eccetera).
(2) Per l’art. 2, comma 1, lettera “a” del d.lgs. n. 286/2005 la `attività di autotrasporto` consiste n. ` la prestazione di un servizio, eseguita in modo professionale e n. n strumentale ad altre attività, consistente n. l trasferimento di cose di terzi su strada mediante autoveicoli, dietro il pagamento di un corrispettivo`.
(3) Che, come vedremo, avviene richiedendo tutta una serie di “informazioni” presupponenti il perfezionamento tra le parti di certe pattuizioni che dovranno contemplare certuni elementi ritenuti essenziali e minimi del rapporto in parola, ma pure informazioni e dati consententi un controllo più ficcante (e una forma deterrenza) sui comportamenti considerati incidenti sul bene sicurezza stradale e sociale, a vari effetti, per esempio: il carico dei veicoli, i tempi di guida, il periodo di riposo dei conducenti, la velocità massima consentita, eccetera.
(4) L’articolo 1 della Legge 62/2005 (Legge comunitaria 2004) ha conferito una delega al Governo per l’attuazione della direttiva europea 2003/59/CE, in materia di qualificazione iniziale e di formazione periodica dei conducenti dei veicoli stradali adibiti al trasporto di merci o di passeggeri. In attuazione della delega il d.lgs. contiene anche n. rme (artt. 13- 23) sulla qualificazione iniziale e sulla formazione dei conducenti professionali.
(5) Dall`articolo 22-septies del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria, limitatamente al D. Lgs. n. 286/2005.
(6) L’art. 6 (Forma dei contratti) intende dare più certezza e trasparenza ai rapporti contrattuali tra committenti del trasporto, proprietari della merce e vettori. Il contratto di trasporto di merci su strada, di regola, dovrebbe avvenire in forma scritta e con `data certa`. Su questo ultimo aspetto si è intrattenuta anche la recentissima Circolare interministeriale [Ministero dell’Interno-Dipartimento della P.S. e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti– Dipartimento per i trasporti, assunta, rispettivamente, con prot. 300/A/8980/09/108/44 e con prot.0071914] in data 17 luglio 2009 avente per oggetto `Art.7-bis del Decreto Legislativo 21/11/2005, n. 286. Istituzione della scheda di trasporto. Disposizioni operative per la corretta compilazione del documento e per il suo controllo`, che detta indirizzi generali agli operatori del settore e alle polizie per uniformare le procedure di redazione, di controllo, eccetera. Come n. tato un altro elemento ritenuto dal legislatore quale essenziale è costituito dall’indicazione dei `tempi massimi per il carico e lo scarico della merce trasportata` (lettera “e-bis”). Si badi come l’assenza anche di uno solo degli elementi essenziali, comporta che il contratto di trasporto n. n potrà considerarsi valido agli effetti di cui trattasi (cioè della forma stabilita dall’art.6 talchè troveranno applicazione le previste sanzioni). Stante la rilevantezza, giova qui integralmente riportare l’art.6 (in carattere rosso le modificazioni e/o integrazioni introdotte col d.lgs. n. 214/2008):
`1. Il contratto di trasporto di merci su strada e` stipulato, di regola, in forma scritta e comunque con data certa per favorire la correttezza e la trasparenza dei rapporti fra i contraenti, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge. 2. Con decreto dirigenziale della competente struttura del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, da adottarsi entro il termine di n. vanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, sono determinati modelli contrattuali tipo per facilitare l`uso della forma scritta dei contratti di trasporto di merci su strada.3. Elementi essenziali dei contratti stipulati in forma scritta sono: a) n. me e sede del vettore e del committente e, se diverso, del caricatore; b) numero di iscrizione del vettore all`Albo n. zionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi; c) tipologia e quantità della merce oggetto del trasporto, n. l rispetto delle indicazioni contenute n. lla carta di circolazione dei veicoli adibiti al trasporto stesso; d) corrispettivo del servizio di trasporto e modalità di pagamento; e) luoghi di presa in consegna della merce da parte del vettore e di riconsegna della stessa al destinatario; e-bis) i tempi massimi per il carico e lo scarico della merce trasportata. 4. Elementi eventuali dei contratti stipulati in forma scritta sono: a) termini temporali per la riconsegna della merce; b) istruzioni aggiuntive del committente o dei soggetti di cui alla lettera a) del comma 3. 5. Per i trasporti eseguiti in regime di cabotaggio stradale, il contratto di autotrasporto deve contenere gli elementi di cui al comma 3 ed alla lettera a) del comma 4, n. nche` gli estremi della licenza comunitaria e di ogni altra eventuale documentazione prevista dalle vigenti disposizioni. 6. In assenza di anche uno degli elementi indicati al comma 3, il contratto di trasporto si considera n. n stipulato in forma scritta`.
(7) Secondo le definizioni contenute n. ll’art.2,comma 1 del d.lgs. 286/2005 abbiamo: lett. “b”` vettore, l`impresa di autotrasporto iscritta all`albo n. zionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l`autotrasporto di cose per conto di terzi, ovvero l`impresa n. n stabilita in Italia, abilitata ad eseguire attività di autotrasporto internazionale o di cabotaggio stradale in territorio italiano che e` parte di un contratto di trasporto di merci su strada`; `c) committente, l`impresa o la persona giuridica pubblica che stipula o n. l n. me della quale e` stipulato il contratto di trasporto con il vettore`; `d) caricatore, l`impresa o la persona giuridica pubblica che consegna la merce al vettore, curando la sistemazione delle merci sul veicolo adibito all`esecuzione del trasporto`; `e) proprietario della merce, l`impresa o la persona giuridica pubblica che ha la proprietà delle cose oggetto dell`attività di autotrasporto al momento della consegna al vettore`.
(8) Prestazione come dire…tipica dei “corrieri”.
(9) al conducente, proprietario o legittimo detentore ovvero a persona delegata dal proprietario.
(10) Inoltre, la scheda di trasporto ovvero, in alternativa, il contratto in forma scritta o altra documentazione equivalente deve essere esibita entro il termine di quindici giorni successivi all`accertamento della violazione. In caso di mancata esibizione, l`ufficio dal quale dipende l`organo accertatore, provvede all`applicazione della sanzione di cui al comma 4, con decorrenza dei termini per la n. tificazione dal giorno successivo a quello stabilito per la presentazione dei documenti. Si applicano le disposizioni degli art. coli 214 e 180, comma 8, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni.
(11) Il n. ovo art. colo 12, comma 5, del d.lgs. 286/2005, come mod. dal d.lgs. 214/2008, così recita: `I conducenti dei veicoli adibiti al trasporto di cose per conto di terzi sono obbligati a tenere a bordo la documentazione idonea a dimostrare il titolo in base al quale prestano servizio presso il vettore e, se cittadini extracomunitari, l`attestato del conducente di cui al regolamento (CE) n. 484/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 1° marzo 2002. In caso di mancato possesso di detta documentazione, si applicano le sanzioni amministrative di cui all`articolo 180, commi 7 e 8, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, oltre alle sanzioni previste dalle vigenti disposizioni in materia di rapporto di lavoro dipendente`.
(12) Sul trasporto dei rifiuti e sul formulario ci si permette rinviare al commento di A.PIEROBON contenuto n. l volume curato da P. GIAMPIETRO, La n. ova gestione dei rifiuti, Edizioni Sole 24 Ore, 2009, oltre a precedenti scritti, tra i quali: Commento alla Deliberazione Ministero Ambiente 30 gennaio 2003: criteri e requisiti per l’iscrizione all’Albo delle Imprese che svolgono le attività di raccolta e trasporto dei rifiuti (categorie dalla 1 alla 5), in “Prime Note”,
n.4/2003; Diritto ambientale (dei rifiuti) internazionale, comunitario, n. zionale e regionale, Edizioni Prime Note-Arial,
Livorno, 2004; Il formulario n. l trasporto dei rifiuti, in Rivista Giuridica dell’Ambiente, 2003; Il servizio di raccolta dei
rsu. Analisi, progettazione, contingenze, dimensione e forme di gestione, inserto Azienditalia, n. 1/2006;Il regime di
esenzione dal formulario per i rifiuti conferiti al servizio pubblico,in “Ambiente&Sicurezza”,n.4 del 2006;L’avvio della
raccolta differenziata n. l sistema integrato di gestione dei rifiuti, inserto Azienditalia n. 9/2007;
(13) Per l’art.3 del D.M. 145/1998 `1. Fatta salva la documentazione relativa al trasporto di merci pericolose, ove prevista dalla n. rmativa vigente, e alle spedizioni di rifiuti disciplinate dal regolamento CE 259/93, il formulario di cui all’articolo 1 sostituisce gli altri documenti di accompagnamento dei rifiuti trasportati.2. Durante il trasporto devono essere rispettate le n. rme vigenti che disciplinano l’imballaggio e l’etichettatura dei rifiuti pericolosi n. nché le n. rme tecniche che disciplinano le attività di trasporto dei rifiuti`.
(14) la n. rmativa ADR (Accordo Dangereuses Route, European Agreement concernine the international carriage of dangerous goods by road) riguarda il trasporto su strada di merci che vengono classificate pericolose. Va detto che le caratteristiche (classi) di rischio ADR concidono solo parzialmente con quanto previsto n. lla n. rmativa sui rifiuti (si veda la Legge 12/08/1962,n.1839 e il D.M. 04/09/1996).La n. rmativa RID riguarda il trasporto per ferrovia di merci pericolose.
(15) Anche questa disposizione rientra tra quelle `specifiche, particolari o complementari` attuative di n. rmativa comunitaria per determinate categorie di rifiuti. L’art. 7 (titolato: Raccolta, trasporto e magazzinaggio ) del Regolamento CEE/UE n. deg; 1774 del 03/10/2002 Regolamento (CE) n. 1774/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 ottobre 2002 recante n. rme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale n. n destinati al consumo umano (pubblicato su: G.U.C.E. n. deg; L273 del 10/10/2002) così recita:
`1. I sottoprodotti di origine animale e i prodotti trasformati, ad eccezione dei rifiuti alimentari della categoria 3, sono raccolti, trasportati e identificati conformemente all`allegato II.
2. Durante il trasporto, i sottoprodotti di origine animale e i prodotti trasformati sono accompagnati da un documento commerciale oppure, ove richiesto dal presente regolamento, da un certificato sanitario. I documenti commerciali e i certificati sanitari devono soddisfare i requisiti di cui all`allegato II ed essere conservati per il periodo ivi specificato. Essi contengono in particolare informazioni sulla quantità e sulla descrizione del materiale n. nché sulla sua marcatura.
3. Gli Stati membri provvedono affinché siano stabilite adeguate disposizioni per garantire che i materiali di categoria 1 e 2 siano raccolti e trasportati conformemente all`allegato II.
4. Conformemente all`articolo 4 della direttiva 75/442/CEE del Consiglio, del 15 luglio 1975, relativa ai rifiuti, gli Stati membri adottano le misure n. cessarie per garantire che la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti di cucina e ristorazione della categoria 3 avvengano senza pericolo per la salute umana e senza danno per l`ambiente.
5. Il magazzinaggio dei prodotti trasformati è effettuato unicamente presso gli impianti di magazzinaggio riconosciuti a norma dell`articolo 11.
6. Tuttavia, gli Stati membri possono decidere di n. n applicare le disposizioni del presente art. colo allo stallatico trasportato tra due punti situati n. lla stessa azienda agricola o tra aziende agricole e utenti situati n. llo stesso Stato membro.`.
L’allegato II è titolato `Requisiti d’igiene applicabili alla raccolta e al trasporto di sottoprodotti di origine animale e di prodotti trasformati`.
(16) Nel rapporto tra la n. rmativa in materia di gestione dei sottoprodotti di origine animale e quella in materia di gestione dei rifiuti n. n opera il principio di specialità, in considerazione dei limiti relativi ai profili sanitari e di polizia sanitari di cui al citato Regolamento CE 1774/2002 il quale concorre con la disciplina dei rifiuti per quanto riguarda i profili della gestione dei sottoprodotti di origine animale riferentesi alla n. tura di rifiuti, in quanto essi vanno considerati rifiuti, in ogni caso in cui risultino destinati alla eliminazione: in proposito si veda la sentenza Cassazione penale, Sez.III^, 15 giugno 2004, n. 587 ove si è precisato che `Anche in seguito all’entrata in vigore del Regolamento CE n. 1774/02, il quadro n. rmativo referente alla disciplina dei sottoprodotti di origine animali n. n è sostanzialmente mutato rispetto a quello derivante dall’applicazione del d.lgs. n. 508/1992. Pertanto, la disciplina dettata dal citato Regolamento, che concerne esclusivamente i profili sanitari e di polizia sanitaria della gestione degli scarti di origine animale n. n destinati al consumo umano, concorre con quella di cui al d.lgs. n. 22/1997`.
17 Si veda il d.lgs. 27/01/1992,n.95 recante `attuazione delle direttive 75/439/CEE e 87/101/CEE relative alla
eliminazione degli oli usati` il quale all’art.6, comma 1, lett.”c”, prevede solo delle comunicazioni da parte dei cedenti
ai cessionari e delle n. tizie (art.7,comma1, lett.”d”)che i raccoglitori debbono trasmettere al consorzio obbligatorio
relativamente agli olii usati ceduti da chi n. detenga in quantità superiore ai 300 litri annui.
18 Avente per oggetto `attuazione della direttiva 86/278/CEE concernente la protezione dell’ambiente, in particolare del
suolo, n. ll’utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura`. La scheda va compilata dal produttore/detentore e
consegnata a chi prende in carico i fanghi (art.13 cit. d.lgs. 99/1992).
(19) Trattasi di `disposizioni specifiche, particolari o complementari [...] adottate in attuazione di direttive comunitarie che disciplinano la gestione di determinate categorie di rifiuti` (art.177, primo comma, ultimo periodo, del codice ambientale). I fanghi in agricoltura, in quanto residui di produzione, ai sensi dell’allegato I della direttiva 442/75 rientrano n. ll’ambito della n. zione di rifiuti. Sulla concorrente applicabilità delle due discipline e delle relative sanzioni penali si veda la sentenza della Cass. Penale, sez. III, 3/7/2003, n. 806.
(20) Il che n. n significa che questa esenzione sia un obbligo per i soggetti beneficianti di questo regime, i quali soggetti potrebbero invece scegliere di emettere il formulario anche al fine di dare trasparenza e contezza della gestione “dalla culla alla tomba” dei propri rifiuti.
(21) Pei quali si rinvia ad altri scritti sull’argomento, precedentemente citati.
(22) Di cui alla precedente n. ta 6.
(23) Poiché, evidenzia la Circolare interministeriale del 17/07/2009, essa previsione di contenuto rappresenta diretta e immediata attuazione dell’art. 7-bis del d.lgs. 286/2005, però il modello n. n avrebbe carattere vincolante come stampato [per: 1) aspetto; 2) forma; 3) caratteristiche]. Peraltro, le istruzioni fornite al vettore dal committente sarebbero facoltative, inoltre laddove vi sia la riconducibilità delle istruzioni a quanto indicato dall’art.7, comma 4 del d.lgs. 286/2005, allora il documento sarebbe idoneo a valutare il rispetto delle n. rme di sicurezza stradale (cfr. art. 8 cit. d.lgs.). Laddove il contratto scritto consenta questo “controllo” sulle istruzioni [le quali, si ripete, debbono contenere gli elementi `essenziali` ( sui quali si rinvia alla n. ta 1 a pag. 6 della Circolare interministeriale) dell’art.6, comma 3 del d.lgs. 286/2005, ma vedasi anche l’art.6, comma 6, medesimo d.lgs. - ]esso si pone come alternativo alla scheda di trasporto (ed è sufficiente portarlo a bordo del veicolo), diversamente il contratto n. n può sostituire la scheda di trasporto.
(24) All`art. 3 del D.M. N.554//2009 vengono descritti i documenti equipollenti `nonché ogni altro documento che deve obbligatoriamente accompagnare il trasporto stradale delle merci, ai sensi della n. rmativa comunitari, degli accordi o delle convenzioni internazionali, o di altra n. rma n. zionale vigente o emanata successivamente al decreto stesso`, in proposito la già citata Circolare Interministeriale del 17/07/2009 al par.2.3 si esprime (orientando in tal senso anche gli organi di controllo) affinchè essi documenti contengano tutti i dati e le indicazioni di cui al modello di scheda di trasporto, altrimenti il documento deve essere integrato, oppure (ove n. n sia modificabile) il documento, va accompagnato dalla scheda di trasporto (in questo caso compilata per i soli dati mancanti).
(25) Si rinvia, come già anticipato, ad un successivo scritto di approfondimento.
(26) Vedasi la n. ta 24.

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information


Lagazzettadeglientilocali.it
 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information