UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
17/06/2019 14:45
Home

Articoli Unitel

La Corte unico arbitro contro l'ostruzionismo

La Corte unico arbitro contro l'ostruzionismo

Eleonora Rinaldi, Il Sole 24 Ore - Guida agli Enti Locali, n. 48

Confermando un orientamento giurisprudenziale ormai consolidato, la Corte costituzionale ribadisce la spettanza allo Stato della potestà legislativa in materia di disciplina dei procedimenti di acquisizione dell'intesa tra Stato e Regione ove si discuta di «localizzazione degli impianti di produzione di energia nucleare, di fabbricazione del combustibile nucleare, di stoccaggio del combustibile irraggiato e dei rifiuti radioattivi, di depositi di materiali e rifiuti radioattivi».

INTESE PREVENTIVE
Le disposizioni regionali su cui la Corte si pronuncia nel giudizio odierno (articolo 1 comma 2 della legge della

Leggi tutto...
 

Proposta di modifiche al D.lgs 81/08 e al nuovo D.P.R. 207/2010

Proposta di modifiche al D.lgs 81/08 e al nuovo D.P.R. 207/2010

Oggetto: Proposta di modifiche al D.lgs 81/08 e al nuovo D.P.R. 207/2010 ”Regolamento di esecuzione e attuazione del D.lgs n. 163/2006 e smi”, su alcune funzioni del R.U.P

Dalla lettura:

- del testo coordinato sulla sicurezza , di cui all’ex Dlgs n.81/08;

- del testo del Nuovo Regolamento ,in attuazione del Dlgs 12/04/2006 n.163, di cui al D.P.R. 5/10/2010 n.207;

Leggi tutto...

NUOVI COMPITI DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Le funzioni principali del responsabile unico del procedimento alla luce della disciplina generale del d.P.R. nr. 207 del 2010 (nuovo regolamento di esecuzione del codice appalti) con riferimento ai poteri surrogatori e sostitutivi in caso di inadempimento del datore di lavoro appaltatore agli obblighi contributi e retributivi a favore dei propri dipendenti.

di Marco Catalano Giudice Contabile

Come è noto una delle più grandi innovazioni della legge nr. 241 del 1990, e del nuovo corso dei rapporti tra amministrazione e privato è stata le istituzione del responsabile unico del procedimento.

Si tratta del soggetto cui è attribuita la responsabilità della istruttoria e completezza del procedimento amministrativo, prima che questo si traduca in un vero e proprio provvedimento. Secondo la impostazione della norma, egli si qualifica come il manager del procedimento, colui nei cui confronti sono concentrate le attività rilevanti per la conduzione dell’istruttoria. Se il procedimento amministrativo è la fase in cui si compongono gli opposti interessi

Leggi tutto...

Niente automatismi per i premi-progetto

Niente automatismi per i premi-progetto

Il dipendente comunale, che ha realizzato un nuovo progetto, non ha diritto all'erogazione del premio incentivante automaticamente. La produttività può essere erogata soltanto nel caso in cui il responsabile abbia approvato preventivamente l'azione di miglioramento e ne abbia accertato la concreta realizzazione. Nel caso in cui il progetto non sia stato approvato ex ante, benché sia stato concretamente realizzato, al dipendente non può essere erogata la produttività.

A sancirlo il Consiglio di stato che, con la sentenza n. 8949/10 del 16 dicembre, ha respinto il ricorso di un dipendente comunale contro il no dell'ente locale al pagamento della produttività.

Nel caso specifico, un dipendente di un ente locale, che aveva realizzato un progetto di miglioramento, aveva richiesto all'ente il pagamento del premio incentivante, ma il comune aveva respinto tale richiesta, sostenendo che il progetto non era stato approvato dall'ente.

Il Tar in primo grado aveva respinto il ricorso, ritenendo legittimo l'operato del comune e il dipendente ha impugnato la pronuncia.

Leggi tutto...

La rappresentanza sindacale dopo Pomigliano

La rappresentanza sindacale dopo Pomigliano

Senonché questa conferma non è bastata all’azienda che ha sollevato l’esigenza di cambiare la cornice generale che regola i rapporti di lavoro per tutto il sistema FIAT, a cominciare da Mirafiori: in mancanza di tali cambiamenti ha minacciato di uscire dal sistema contrattuale e addirittura dalla Confindustria.

In risposta a questa sollecitazione i contraenti nazionali Federmeccanica, Fim-Uilm- Fismic (esclusa la Fiom) sono orientati a definire norme specifiche per il settore auto che vengano incontro alle esigenze aziendali ma che restino nell’ambito del contratto nazionale. La possibilità di norme specifiche, legata ai contratti di un dato settore, è già prevista nel contratto dei metalmeccanici e ha precedenti in altre categorie.

Una simile soluzione permetterebbe di dare soluzioni nuove alle questioni critiche poste dalla Fiat (organizzazione degli orari di lavoro, straordinari, pause, turni, ecc.) senza rompere il quadro nazionale e anche senza

Leggi tutto...
Pagina 45 di 67

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information